Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 10311 del 04 Maggio 2007 delle ore 10:11

Sciopero dei medici, garantite solo le urgenze

[thumb:2299:r]Regione. Oggi sciopero dei medici del servizio pubblico. Non saranno eseguiti interventi chirurgici negli ospedali liguri, salvo quelli per emergenze o non rinviabili, a causa dello sciopero nazionale della sanità al quale aderiscono anche i medici anestesisti. I sindacati liguri del servizio sanitario aderiscono allo sciopero sia per i motivi di interesse nazionale, quali contratto di lavoro (scaduto da 16 mesi), previdenza e ultime modifiche legislative, sia per difendere il servizio sanitario, giudicato non sufficientemente tutelato dalle istituzioni, con conseguente carenze di efficienza. I medici incrociano le braccia anche per per il mancato reperimento di spazi per la libera professione intramuraria (la possibilità per i medici di effettuare visite private a pagamento in strutture ospedaliere). In Liguria si prevede l’adesione di circa 5 mila unità. I medici aderenti a sette sigle sindacali (Anaaoo Assomed, Anpo, Cgil, Cimo, Cisl, Uil e Snr) hanno spiegato le motivazioni alla base dello sciopero. “A partire dal 31 luglio prossimo – hanno affermato i medici – cambia la normativa sulla libera professione negli studi privati e la nostra amministrazione non si è ancora adeguata. Non solo. E’ stato elaborato un regolamento sulla libera professione intramuraria, senza il minimo coinvolgimento delle associazioni sindacali. L’altro dato importante è che lo Stato, attraverso le Regioni, ha messo a disposizione i fondi necessari per adeguare ciascuna Asl alla libera professione intramuraria, ma da noi è ancora tutto fermo, col rischio che i medici ospedalieri che dal 31 luglio dovranno abbandonare i loro studi, si trovino di fronte a un lungo periodo di inattività“.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli