Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 10448 del 08 Maggio 2007 delle ore 10:02

Mario Giordano ad Alassio per presentare il libro “Senti chi parla”

[thumb:3054:r:t=Mario Giordano]Alassio. Mario Giordano sarà ad Alassio, venerdì 11 maggio, per presentare il suo ultimo libro “Senti chi parla” (Mondatori, 2007). Giordano, che la scorsa estate nella città del muretto ha girato una puntata di Lucignolo, sarà ospite della rassegna “Incontro con l’autore”, promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Alassio. Alle ore 18.00, nell’Auditorium della Biblioteca “R. Deaglio”, Massimiliano Lussana, capo della redazione genovese de Il Giornale, introdurrà e condurrà l’incontro-presentazione con il direttore di Studio Aperto. Mario Giordano, 40 anni, vanta una carriera brillante, iniziata a “Nostro Tempo”, settimanale diocesano di Torino, passata poi a “Informazione” e “Il Giornale”. Alla televisione è approdato nel 1997: ha partecipato a “Pinocchio” ed ha poi condotto su Raitre “Dalle 20 alle 20”. Dal 2000 è il direttore di “Studio Aperto”, ed inseguito ideatore e direttore de “L’Alieno” e “Lucignolo”. Ha collaborato con “Avvenire”, “Repubblica” ed “Epoca” ed è autore di diversi libri reportage sulla situazione italiana:  “Silenzio, si ruba”, “Chi comanda davvero in Italia”, “Waterloo, il disastro italiano”, “L’unione fa la truffa”, “Attenti ai buoni”. E dopo “Attenti ai buoni”, ecco un “attenti ai tromboni”, con fatti, episodi concreti, cronaca. “Senti chi parla”, non risparmia nessuno nel presentare le contraddizioni di chi predica bene e razzola male, Mario Giordano colpisce a 360 gradi: dai grandi predicatori televisivi come Celentano, Grillo e Bonolis ai giornalisti che commettono errori clamorosi, dagli economisti agli industriali, dai politici ai prelati, dai sindacalisti agli ecologisti, dai sondaggisti agli sportivi e ai mostri sacri della cultura. Vittorio Sgarbi, Michele Serra, Massimo Moratti, Luca Cordero di Montezemolo, Umberto Eco, Giuliano Ferrara, nessuno viene risparmiato da Giordano. “I grandi della finanza? Hanno molti valori, soprattutto in banca. Gli ecologisti? Vogliono il mondo pulito, ma hanno la coscienza sporca. I mostri sacri della cultura? Non sono poi tanto sacri. E sul palcoscenico della Tv? Ci sono sempre più santoni, ma nessuno di loro è santo. Adesso che ci penso, – scrive Mario Giordano – non so mica se ho fatto bene a scrivere questo libro. Però ora che c’è, voi avrete almeno un buon motivo per leggerlo. Il motivo è questo: molte delle cose che trovate scritte qui non le troverete mai da nessun’altra parte perchè il mondo, si sa, è pieno di tromboni. Eppure tutti hanno paura di suonarli…”.
[image:3054:c:s=1:t=Mario Giordano]


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli