Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 10505 del 09 Maggio 2007 delle ore 14:56

Consiglio comunale di Albenga: ambiente e Family Day

[thumb:2609:r]Albenga. Durante il consiglio comunale albenganese di ieri sera sono stati affrontati diversi argomenti, fra cui la presa d’atto delle dimissioni dalla carica di assessore rassegnate da Sergio Ravera, a cui ha fatto seguito la nomina di Romano Minetto, oltre alla discussione e votazione relativa alla partecipazione del Comune di Albenga, con il proprio gonfalone, al Family Day che si terrà a Roma il 12 maggio. La mozione, presentata dai consiglieri Geddo, Guarnieri, Zunino, Savorè, Barbero, Vannucci, Distilo e Schneck, è stata respinta. Le iniziative a sostegno del risparmio energetico e della tutela ambientale hanno invece visto una condivisione di principi da parte di maggioranza ed opposizione. Così commenta il sindaco Antonello Tabbò: “Anche in questa occasione è emersa la compattezza della maggioranza, che lavora con una forte unità di intenti. Ribadisco la grande stima verso l’assessore uscente Sergio Ravera che ringrazio personalmente ed a nome di tutta la maggioranza per il lavoro svolto. Respingo al mittente ogni sorta di critica ed auguro, insieme alla giunta ed a tutta l’amministrazione un buon lavoro al neo nominato Romano Minetto. Per quel che riguarda la partecipazione del Comune al Family Day di Roma abbiamo preferito rinunciare a causa delle strumentalizzazioni fatte dalle forze politiche di centro destra: nessuno può negare la centralità della famiglia nella vita sociale, per questo il concetto stesso di famiglia non può essere fatto proprio da una sola parte politica. La sensibilità della nostra amministrazione nei confronti delle problematiche delle famiglie si è vista in concreto con l’abbassamento dell’Ici sulla prima casa e con l’attenzione verso i servizi sociali. Sicuramente, poi, l’amministrazione cittadina prenderà parte alla Conferenza nazionale sulla famiglia che si terrà a Firenze”. Prosegue il discorso il vicesindaco Franco Vazio: “Abbiamo deciso di non prendere parte al Family Day pur facendo nostre tutte le sensibilità sulla famiglia perché riteniamo che questa manifestazione sia stata troppo strumentalizzata dal centro destra, come dimostrato anche da alcune affermazioni di Geddo che, quale portavoce di AN, ha sottolineato come il Family Day sia una manifestazione contro i Dico. Qualunque sia il parere dei singoli sui Dico, ritengo che il dibattito debba essere affrontato serenamente e non partendo da prese di posizione a priori”. “Il sindaco ‘boyscout’ di Albenga prima si sdegna per i fatti accaduti a Monsignor Bagnasco, poi dice no all’ordine del giorno sul Family Day – commenta Guido Lugani, coordinatore cittadino dei giovani di Forza Italia – E dire che in campagna elettorale si diceva uomo vicino alla Chiesa e per questo lo hanno addirittura sostenuto. Albenga, che ha una storia cattolica millenaria, dove esistono decine di associazioni cristiane, dove è presente la sede vescovile, dove esistono scuole cattoliche e dove la cultura cattolica è il pilastro della società locale… ha dovuto subire un ulteriore schiaffo morale rifilato dall’amministrazione Vazio-Tabbò”. Per quanto riguarda le iniziative per il risparmio energetico e per l’applicazione dal protocollo di Kyoto, maggioranza ed opposizione hanno mostrato condivisione di principi. Inoltre, “sono da sottolineare i buoni risultati che continua ad ottenere la raccolta differenziata” osserva il vicesindaco Vazio, che aggiunge: “A tal proposito il polso della sensibilità cittadina è ben rappresentato dalla quinta edizione della mostra realizzata dai bambini delle scuole e dedicata a Beppe Morchio, intitolata ‘Creo col riciclo’, che si è svolta all’Ester Siccardi e che si concluderà con la premiazione dei lavori migliori”. Così invece Roberto Schneck, consigliere di Forza Italia: “Esprimo soddisfazione su un argomento a me tanto caro come l’ambiente, sul quale sono impegnato quotidianamente: non essendo nell’ordine del giorno della amministrazione di sinistra alcun tipo di proposta pratica, sentito il mio intervento specifico su cose pratiche come la geotermia, le biomasse e il fotovoltaico, tutte cose che non inquinano e che farebbero risparmiare, dopo una pausa, la maggioranza ha ritirato per la seconda volta il proprio ordine del giorno per concertarne uno con noi”. “Ho chiesto durante il consiglio comunale la revoca da parte del sindaco di tutte le contravvenzioni fatte dai vigili urbani alle famiglie delle frazioni per la raccolta differenziata – dice Mauro Vannucci, capogruppo di Forza Italia – Poiché sussistono due motivi per cui queste multe sarebbero illegittime: uno, la raccolta differenziata porta-porta, come disse il sindaco, è in fase sperimentale e quindi anche le contravvenzioni sarebbero sperimentali; due, perché la raccolta è un totale fallimento, e quindi l’amministrazione comunale oltre ad appioppare alle frazioni un servizio scadente e con grandi lacune, vuole martoriare i suoi cittadini con multe salatissime. Attraverso il Comitato territoriale C.E.D.A, ho proposto questo, ma naturalmente l’amministrazione ha fatto orecchie da mercante”.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli