Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 10763 del 16 Maggio 2007 delle ore 09:51

Regione, Verdi: interrogazione sulla situazione idrica in Liguria

Regione. Il consigliere regionale dei Verdi Carlo Vasconi annuncia l’avvenuta presentazione ai lavori dell’odierno Consiglio regionale di un’interrogazione per la situazione idrica in Liguria: “In Italia si sta assistendo alla rinascita del dibattito sull’acqua e sulla necessità di affermare il diritto di accesso ad essa in capo ad ogni essere vivente, e come Verdi abbiamo presentato in Regione Liguria una proposta di legge affinché sia garantita la gratuità di almeno 40 litri pro capite di acqua giornaliera poiche’costituisce convenzionalmente la quantità minima necessaria alla vita delle persone. Purtroppo l’attuale situazione di scarsità di piogge paventa un possibile rischio di erogazione acqua per alcune parti del  territorio della Regione Liguria ­ puntualizza Vasconi- e i piani di intervento di competenza provinciale circa la previsione di emergenza che dovevano essere presentati alla Regione entro il 30 marzo, purtroppo non hanno mai avuto un seguito.
Con questa iniziativa abbiamo quindi sollecitato la Regione affinché siano attivati i piani di emergenza da parte degli Ambiti Territoriali Ottimali laddove costituiti e dalle province, al fine di attuare una seria politica di risparmio idrico anche attraverso il
riordino degli acquedotti e la riduzione delle perdite, alla sensibilizzazione dei cittadini per un corretto utilizzo dell’acqua evitando sprechi, a migliorare la qualità del servizio. La Regione – continua Vasconi- attraverso l’Assessore Zunino ha assicurato il coordinamento gli interventi per fronteggiare la crisi idrica, attraverso la costituzione di un gruppo tecnico che svolgerà funzione di Cabina di regia che avrà il compito di individuare i principali interventi e la disciplina da attuare per attenuare le possibili emergenze”.


» Redazione

1 commento a “Regione, Verdi: interrogazione sulla situazione idrica in Liguria”
cobra ha detto..
il 17 Maggio 2007 alle 09:02

Presentare, in un periodo di siccita’, un progetto che tra altre amenita’ pensi a regalare 40 lt. d’acqua pro capite mi suona come pura demagogia.
A parte che per il campo degli stanziali della Fontanassa non sarebbero a sufficienza: le AUTO NON LE DEVONO PIU’ LAVARE? Sarebbe interessante conoscere il parere di tutti coloro che, ultimamente hanno investito e speculato in Borsa nel settore IDRICO per poi regalare cio’ che hanno ATTNTAMENTE comprato.
Poichè i grandi scalatori della BORSA non sono certamente impiegati, operai o pensionati mi sembra si possa ricavarne una semplice equazione dal risultato scontato.

CERCAarticoli