Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 11324 del 01 Giugno 2007 delle ore 08:02

Borgio Verezzi: otto anteprime nazionali al Festival Teatrale

[thumb:531:r]Borgio Verezzi. Sarà dedicata a Giorgio Gaber, il 15 giugno prossimo, l’anteprima al 41esimo Festival Teatrale di Borgio Verezzi, in scena dal 6 luglio al 10 agosto. Otto gli spettacoli, tutti in prima nazionale, nel cartellone, firmato dal direttore artistico Stefano Delfino. Il Festival di Borgio si presenta con un riconoscimento di alto livello: proprio pochi giorni fa ha infatti ottenuto il Premio dedicato a Vittorio Gassman e indetto dal Comune di Lanciano per il miglior festival estivo del 2006. L’anteprima, “L’illogica allegria”, è un omaggio a Giorgio Gaber ideato e diretto da Gian Piero Alloisio con una ventina di interpreti e altri centocinquanta artisti della zona coinvolti. Sarà uno spettacolo itinerante fra la piazza di Borgio Verezzi e 14 creuze. Il pubblico diviso in gruppi farà un percorso e ad ogni “stazione” s’imbatterà in una esecuzione di prosa o canzoni di Gaber-Luporini. La musica, del resto, costituisce un filo conduttore del Festival come ha sottolineato Stefano Delfino. Non solo Gaber, ma anche Puccini e Charlie Parker. Si comincia il 6 luglio (repliche il 7 e l’8) con “Vestire gli ignudi” di Pirandello. La regia è di Walter Manfré, in scena Vanessa Gravina, Luigi Diberti, Bruno Armando, Marco Marelli, Daniela Piacentini, Francesco Laruffa. Il 13 (repliche 14 e 15) debutta “Osso d’oca” di Giuseppe Manfridi. Il sottotitolo chiarisce l’argomento: “Ultimi giorni di Puccini a Bruxelles”. La regia è di Francesco Branchetti mentre il cast impegna tre attori: Pino Micol, Puccini, affiancato da Bruno Maccallini e Paola Gatti. Il 20 luglio (repliche 21 e 22) altro testo moderno, di Jean-Marie Chevret, “L’appartamento è occupato” con Paola Gassman, Lydia Biondi, Hossein Taheri e Marta Richeldi. La regia porta la firma di Maurizio Panici. Il 27 luglio (repliche 28 e 29) arriveranno l’ironia e la comicità di George Feydeau con “Il signore va a caccia” presentato in un adattamento e con la regia di Mario Scaccia che reciterà anche la parte di Madame Latour “en travesti”. Accanto a lui Edoardo Sala, Debora Caprioglio e un nutrito gruppo di artisti. A Charlie Parker è dedicato lo spettacolo successivo (31 luglio) di Julio Cortazar, “Il persecutore” con Massimo Popolizio, voce recitante e musiche eseguite dal vivo da Enrico Rava e altri jazzisti. Su un’altra figura straordinaria del passato, Giacomo Casanova (evocato ma non presente in scena) é invece incentrato il testo di Sandro Marai, “La recita di Bolzano” con Laura Marinoni (la contessa di Parma) e Eros Pagni (il conte di Parma) e la regia di Marco Parodi. Infine, come vuole la tradizione del Festival, il 9 agosto (repliche 10 e 11) chiusura con una commedia ripresa dalla cinematografia. In questo caso si tratta di “Plaza Suite” di Neil Simon a suo tempo portata al successo da Walter Matthau. Il protagonista sarà Corrado Tedeschi affiancato da Milly Falsini, Patrizia Loreti e Ketty Rosselli. L’adattamento e la regia sono di Claudio Insegno.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli