Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 11604 del 08 Giugno 2007 delle ore 10:04

Loano, sabato giornata dell’integrazione balneare

[thumb:3367:r]Loano. Tornano i Tiralò sulle spiagge di Loano nell’estate 2007. Visto il successo dello scorso anno, a partire da metà giugno e fino alla fine di agosto, nelle spiagge libere attrezzate comunali Lampara e Delfino si potrà usufruire, previa prenotazione, del servizio delle carrozzine da mare. Il servizio sarà inaugurato sabato 9 giugno in occasione della seconda edizione della Giornata dell’integrazione balneare. L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto Spiaggia per tutti, promosso dall’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Loano, che propone l’integrazione balneare per le persone con gravi disabilità motorie, anche attraverso l’attivazione di questo servizio. La carrozzina da mare, infatti, permette ai disabili di raggiungere comodamente la riva e di liberarsi del sostegno della carrozzina galleggiante, una volta arrivati in acqua. La carrozzina galleggiante è dotata di due braccioli e di tre larghe ruote pneumatiche che garantiscono un agevole transito su sabbia e sassi. “Il servizio del Tiralò” dice l’Assessore ai Servizi Sociali, Luca Lettieri “nella passata stagione balneare è stato molto apprezzato ed abbiamo pensato di migliorarlo attraverso una specifica preparazione del personale di assistenza. In primavera, infatti, si è svolta una lezione-dimostrazione rivolta ai bagnini, curata dal personale dell’Unità Spinale Unipolare di Santa Corona con la collaborazione della Cooperativa Sociale J. Livingstone di Pietra Ligure e di ABC Liguria e Associazione Dopodomani Onlus di Loano.” La Giornata dell’integrazione balneare prenderà il via alle 16.30, nello Spazio Culturale Orto Maccagli, con la presentazione del servizio di ausilio alla balneazione e la consegna ai bagnini degli attestati di idoneità di “Assistente alla balneazione – specializzato in persone con disabilità.” Alle 17.00, si svolgerà l’incontro con il giornalista e scrittore Claudio Imprudente. Presidente del Centro Documentazione Handicap di Bologna e direttore della rivista HP, Claudio Imprudente è, come animatore diversabile, attivo nei vari campi della cultura: incontra i bambini nelle scuole dell’infanzia, propone le sue fiabe a quelli delle elementari, gioca con i ragazzi delle superiori, parla ai genitori, dialoga nei corsi di formazione con gli insegnanti. Claudio Imprudente non parla, comunica con gli occhi grazie a un semplice pannello di plexiglas dove sono stampate le lettere dell’alfabeto. Un operatore, accanto a lui, decodifica gli sguardi e traduce in parole il suo pensiero. Alle 17.30, la compagnia I.So Theatre metterà in scena “Re 33 nel Regno di Io-ME, liberamente tratto da un racconto dello stesso Imprudente.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli