Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 11939 del 18 Giugno 2007 delle ore 09:22

Toirano, escavatore incendiato: indagano i carabinieri

[thumb:345:r]Toirano. Potrebbe esserci la firma del racket dietro al raid incendiario compiuto nel cantiere della ditta Carretto all’alba di venerdì mattina, sulla provinciale per Toirano. Il fuoco era stato appiccato a due escavatori impiegati nei lavori di costruzione di un muraglione. Le fiamme avevano ridotto in cenere l’abitacolo di un mezzo, un Fiat Migliola, e danneggiato l’altro, un Fiat Hitachi 135. Il titolare dell’impresa edile colpita dal rogo ha dichiarato agli inquirenti di aver ricevuto minacce ed avrebbe anche fatto alcuni nomi, ora al vaglio dei carabinieri della Compagnia di Albenga. Il cantiere, al confine con Borghetto Santo Spirito, è stato commissionato dalla Provincia per realizzare un muro di contenimento. La gara è stata vinta da una società genovese, la Ignectosond di Arenzano, che ha subappaltato l’intervento alla ditta Carretto di Bardineto. I lavori sono partiti circa quattro mesi fa, ma adesso per la mancanza di ruspe potrebbero subire una battuta d’arresto. Probabilmente i malviventi per raggiungere le ruspe hanno scavalcato la cinta protettiva oppure hanno aggirato la strada, passando nelle campagne. Gli incendiari potrebbero aver appiccato il fuoco con un liquido infiammabile o un innesco, lasciato ardere dentro ai mezzi per la movimentazione della terra. Il sopralluogo, compiuto subito dopo lo spegnimento delle fiamme, ha dato esito negativo e i militari del reparto scientifico non hanno raccolto elementi utili alle indagini. Saranno quindi soltanto le testimonianze raccolte dai carabinieri a chiarire l’episodio.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli