Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 12243 del 25 Giugno 2007 delle ore 11:10

Savona, tavola rotonda sulla progettazione eco-sostenibile

Savona. Domani, alle ore 15, presso l’Aula Magna dell’Ente Scuola Edile di Savona si terrà la tavola Rotonda dal Titolo “Pianificazione e Progettazione Ecosostenibile”. Ulteriore appuntamento di didattica aperta dei master in Bioedilizia e Pianificazione territoriale, questo incontro vuole mettere a confronto amministratori, tecnici comunali e progettisti per individuare i vincoli e le norme di Piano regolatore o regolamento edilizio che frenano lo sviluppo della bioedilizia, nuova frontiera della progettazione a risparmio energetico. E’ stata prevista una strutturazione sotto forma di tavola rotonda nella quale i diversi professionisti del settore potranno confrontarsi al fine di individuare non solo i problemi, ma anche le possibili strade da percorrere per attivare soluzioni efficaci che consentano di portare avanti un reale progetto provinciale di bioediliza e pianificazione territoriale sostenibile. A moderare l’incontro sarà il Dottor Mario Paternostro, direttore dei servizi giornalistici di Primocanale mentre si confronteranno sul tema proposto:
- Ing. Franco Zumino (Assessore all’Ambiente di Regione Liguria)
- Arch. Giorgio Rossini (Soprintendente per i Beni Architettonici e il Paesaggio della Liguria)
- Arch. Lino Giorgini (Progettista di Pianficazione ecosostenibile)
- Arch. Alessandro Fassi (Progettista di bioarchitettura) 
- Arch. Andrea Giacchetta (consulente della Provincia di Savona)
- Ing. Roberto Marson (Presidente Sezione Edili dell’Unione Industriali della Provincia di Savona).
Così il Direttore della Scuola Edile Antonio Miglio: “Questo incontro, vuole esser eun momento, un’occasione per riflettere sui limiti ed i freni dei regolamenti comunali e sovracomunali in termini di bioediliza, regolamenti che rischiano di rallentare, se non bloccare lo sviluppo di una corretta edilizia a basso impatto ambientale. Tengo a ricordare che bioedilizia e pianificaizone territoriale ecosostenibile sono i due pilastri sui quali si baseranno le nostre possibilità di soravvivenza nel prossimo futuro con riferimento a minor inquinamento, minori consumi energetici ecc…Ovviamente  non ha senso progettare edifici in linea con le direttive di minmo consumo energetico e minor impatto ambientale se poi i regolamenti urbanistici non ne consentono la costruzione in quanto, non per valutazioni negative in assoluto, ma in quanto non aggiornati e pronti a recepire correttamente tali progetti. Se da una parte a livello nazionale si sta già agendo nelle sedi ministeriali, abbiamo ritenuto opportuno dare un forte segnale di avvio anche a livello locale di una ricerca di soluzioni efficaci. Questo incontro è stato proprio creato sotto forma di tavola rotonda per questo e credo che possano già uscire le principali linee guida, le indicazioni di massima per quelli che dovranno essere i regolamenti edilizi comunali e sovracomunali dei prossimi anni. I primi interessati sono gli operatori pubblici e privati, ma credo che anche il semplice cittadino abbia diritto di sapere quali saranno gli impatti di questi nuovi regolamenti uranistici, in quanto i primi vantaggi saranno proprio a favore di tutti i cittadini”.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli