Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 12396 del 28 giugno 2007 delle ore 11:56

Alassio premia la poesia dialettale ligure

Alassio. Domani alle 16.30 nell’Auditorium della Biblioteca “R. Deaglio” si svolgerà la cerimonia di premiazione del Concorso di poesia dialettale ligure, promosso dall’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Alassio.
L’iniziativa, giunta alla settima edizione, ogni anno premia i versi più belli in dialetto ligure. Chi riceverà l’alloro poetico vedrà il suo elaborato, riscritto su piastrella di ceramica, esposto nell’apposito spazio sotto il Monumento dedicato “Ai Pescatori Alassini”, e pubblicato su un’antologia, edita ogni cinque anni dal Comune di Alassio.

Alle ore 18.00,  presso il “Recantu di Pescaui”, sulla passeggiata Dino Grollero si svolgerà la cerimonia di posa della piastrella con la poesia prima classificata nel concorso 2006: la poesia in dialetto genovese “Un leggiero respio” di Danila Olivieri.

“La Liguria” dice l’Assessore al Turismo e alla Cultura Monica Zioni “è una terra che ha prodotto tanti poeti ed artisti che hanno saputo esprimere pensieri e sentimenti con parole che sono entrate a far parte del patrimonio letterario del nostro paese. A partire dai poeti e trovatori del Duecento, c’è una ricca ed eccelsa letteratura poetica ligure che attraversa i secoli, fino ad arrivare al Novecento con la poesia di Edoardo Firpo, Eugenio Montale, Camillo Sbarbaro, Italo Calvino ed Edoardo Sanguinetti. Il Concorso di poesia dialettale ligure si propone di offrire una testimonianza della produzione poetica contemporanea, privilegiando la scrittura in dialetto ligure. L’obiettivo è quello di promuovere e mantenere viva la cultura dialettale della nostra regione e favorire l’espressione letteraria poetica.”

Il tema ispiratore dell’edizione 2007 è “Liguria in versi”. Sono centodieci gli elaborati poetici che la giuria del premio, composta da Dante Schivo, Paolo Ammirati, Santino Bruno Pezzuolo, Iole Nattero e Paolo De Feo, ha esaminato. I versi sono rappresentativi delle quattro province liguri: 29 elaborati dal genovese, 57 dalla provincia di Savona, 19 poesie dall’imperiese e 5 dalla provincia di La Spezia. Tra tutte le opere sono state selezionate le 40 più meritevoli.

Ecco i vincitori.
Il primo premio è stato assegnato alla poesia in dialetto sanremasco “Mae” della poetessa Gabriella Gismondi. Il secondo premio è andato alla poesia in dialetto alassino “Faremmu finta” del poeta Antonio Boscione, il terzo posto è toccato alla poesia in dialetto genovese “T’Ammïo” di Angela Cilia Capuana e il quarto, alla poesia scritta nel dialetto di Varazze “Liguria in t’e’n quadretto” di Mario Traversi.
La giuria ha assegnato anche due premi nella sezione dedicata agli elaborati dei bambini delle scuole elementari e quattro riconoscimenti nella sezione riservata ai giovani fino ai vent’anni. Il primo premio bambini è stato assegnato alla poesia in dialetto alassino “Mumentu Magicu” scritta dai giovani poeti della classe 5B della Scuola Primaria Statale di Alassio. Un secondo riconoscimento è andato alla poesie in dialetto di Quiliano “Ispirate alle favole” dei bambini della classe 2B della Scuola Primaria “Don Peluffo” di Quiliano.
Per i giovani ritirerà il primo premio, Marco Oliveti per la poesia in dialetto savonese
“Primmaveja”. Le targhe giovani saranno inoltre consegnate a Carolina Vio per la poesia in dialetto di Bastia (Albenga) “Û me páise”, a Simone Ignesti per la poesia in dialetto di Bastia (Albenga) “Bastia” e a Veronica Di Paolo per la poesia in dialetto di S. Biagio della Cima (Ventimiglia) “Incontru cu brigante”.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli