Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 12661 del 05 Luglio 2007 delle ore 18:17

Albenga, l’assessore Salata sul Sistema Turistico Locale

Albenga. Tra i Comuni che questa mattina a Savona hanno sottoscritto l’accordo di adesione al nascente Sistema Turistico Locale era presente anche Albenga. Abbiamo chiesto all’assessore Alfonso Salata, demandato alla firma dalla giunta e dall’assessorato al Turismo, un commento sulle motivazioni che hanno spinto Albenga ad aderire al progetto provinciale dell’STL “Italian Riviera”. “A me piace sintetizzare tutto con una battuta – risponde Salata – La mia collega Pina Verrazzani, assessore al Turismo, ha coniato un motto: ‘Albenga, un posto dove essere’. Io credo che oggi il motto poteva essere ‘Albenga non poteva che esserci’ perché Albenga ha moltissimo da offrire ai turisti che vengono: Albenga come città e Albenga come ‘territorio’. È importante mettere le risorse in rete ed era importante essere presenti a questa operazione perché dà veramente la possibilità di esserci e di poter veramente dire “Albenga, un posto dove essere assieme a tutti gli altri”. Ma Albenga riuscirà ad avere una funzione di spinta sempre maggiore per la valorizzazione dell’entroterra ingauno riuscendo a stabilire un più solido ponte tra costa ed entroterra, nodo (come è stato ripetuto più volte anche questa mattina) fondamentale per lo sviluppo turistico di tutto il territorio? “Da quando si è insediata, la nostra Giunta sta lavorando proprio in tal senso – osserva l’assessore – Noi crediamo veramente in una cosa chiamata ‘territorio’ e quando dico territorio parlo, appunto, soprattutto del nostro entroterra che offre veramente moltissimo e dobbiamo essere capaci, assieme alle realtà locali, di farlo conoscere per quello che è. Io credo che il lavoro da fare sia ancora tanto però lo spirito giusto c’è e l’obiettivo è veramente quello di integrarci con il nostro territorio in maniera che mare e montagna,e quindi costa ed entroterra, siano una cosa unica e chi viene da noi possa goderne completamente”.


» Fabrizio Pinna

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli