Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 12807 del 09 Luglio 2007 delle ore 17:04

Alassio, chiusura biglietteria: Melgrati scrive alle Ferrovie

[thumb:2994:r]Alassio. Il sindaco di Alassio Marco Melgrati ha scritto alle Ferrovie dello Stato per protestare contro la chiusura della biglietteria della stazione ferroviaria della città del muretto. Ecco la missiva del primo cittadino alassino. “Ancora una volta, con grande disappunto, ho dovuto riscontare l’improvvisa chiusura della biglietteria della stazione ferroviaria di Alassio. Questa situazione, già di per sé grave, diventa scandalosa, indecente ed intollerabile se, come nei giorni scorsi coincide con l’inizio della stagione estiva, arrecando notevoli danni all’utenza, soprattutto turisti. Inoltre molte persone, vedendo la biglietteria chiusa, imputano il disservizio al Comune e protestano con l’Amministrazione Comunale. Io non sono più disposto a condividere, anche se erroneamente, responsabilità che sono di altri ed essere coinvolto nell’inefficienza delle Ferrovie. Chiedo, pertanto, un sollecito intervento per porre fine a questa situazione inaccettabile per la Città di Alassio che, in estate raccoglie un gran numero di turisti che la trasformano in una grande Città. Viene fatta promozione, in collaborazione con le Categorie ed Associazioni alassine,  puntando anche sull’uso del treno per evitare ingorghi sulle strade e per bypassare la carenza di  posti auto ma, se da una parte i turisti scelgono di venire in treno ad Alassio, dall’altra devono fare spesso i conti con la biglietteria chiusa creando non poco disappunto e malumore. Se la chiusura è determinata dalla carenza di personale si chiede di provvedere a nuove assunzioni, almeno a tempo determinato. Se invece, per le ristrettezze economiche, non sono possibili nuove assunzioni e visto che il servizio deve essere garantito ai residenti ed ai turisti, si propone di procedere come le Forze dell’Ordine che provvedono con delle aggregazioni, trasferendo durante i mesi estivi personale dalle grandi Città che si spopolano alle località turistiche che invece si popolano”.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli