Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 12965 del 12 Luglio 2007 delle ore 16:40

Savona, piscina di corso Colombo: Berruti replica all’arch. Baccani

[thumb:807:r]Savona. “Il cratere della piscina di corso Colombo è una ferita aperta nella città, forse la più grave perché danneggia insieme la nostra immagine, l’attività sportiva dei nostri cittadini, l’attività agonistica di Rari Nantes”. Così il sindaco di Savona, Federico Berruti, che reagisce alle dichiarazione dell’architetto Duccio Baccani, ex progettista della nuova piscina coperta per conto della Edilmar, apparse oggi sul Secolo XIX, definendole “diffamatorie”. Baccani ha parlato di “un’impresa che si trascina da sette anni e mezzo e che ora con un progetto che offre di meno, rispetto a quello precedente, costa 2 milioni in più” riferendosi alla Ati Freccero-Bazzani, subentrata nei lavori dopo il fallimento della Edilmar. La domanda “chi è il beneficiario di quel tesoretto di 2 milioni?” non è piaciuta al primo cittadino savonese. “E’ falso e gravemente lesivo della mia immagine e di quella dell’ente e dei suoi uffici che ci sia un ‘tesoretto’ – replica Berruti – E’ un’accusa che getta fango su di me e sull’amministrazione, che non ha nulla a che fare con il diritto di critica, ma che invece costituisce una vera e propria diffamazione”. “Ribadisco – prosegue il sindaco – che, mentre sono sempre pronto a discutere di tutto con tutti, non sono in alcun modo disposto a sopportare accuse infondate che riguardino la moralità della mia azione politica. Tengo quindi a rassicurare i savonesi: il loro sindaco si è occupato, si occupa e si occuperà della piscina di Corso Colombo con il massimo impegno per riuscire a risolvere i problemi ereditati e per consegnare alla città un impianto sportivo bello, moderno e funzionale”.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli