Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 13021 del 13 Luglio 2007 delle ore 16:24

Una multa per aver sbagliato strada

Il 10 luglio mi sono venute a trovare due mie amiche da Venezia, e abbiamo deciso di andare a Genova per vedere l’Acquario. Scesi dalla sopraelevata siamo arrivati nelle vicinanze del Porto Antico, a un certo punto vediamo le indicazioni per il parcheggio, giro in una traversa e subito mi accorgo che non era la via giusta anche se al fondo della via si vedeva la cancellata del parcheggio. Non conoscendo bene la zona ho visto due vigili, mi sono avvicinato è mentre chiedevo dove era il parcheggio del Porto Antico, la vigilessa mi ha pregato di accostare e consegnare i documenti, in definitiva la stradina era transito e sosta solo per i residenti, cioè ZTL, e così invece delle indicazioni ho preso una multa da 70 euro.
Anche ad Albenga il centro storico è ZTL, ma i nostri vigili danno le indicazioni e non fanno le multe a chi sbaglia strada, tengo a precisare che in quella piccola traversa, i vigili in “sosta” erano ben 2 fissi, infatti oltre a me molti altri turisti si infilavano in quella stradina e venivano multati.
Sarei curioso di sapere quella via che si chiama Via molo inserzione Bottai, quanto rende al Comune di Genova, dopo aver ricevuto la multa la vigilessa mi ha dato l’indicazione per il parcheggio che era la via proprio attacata a quella della multa.

Fabio Brandalise, Albenga

» Redazione

17 commenti a “Una multa per aver sbagliato strada”
The Gecko ha detto..
il 13 Luglio 2007 alle 17:00

Potresti fare ricorso e vincerlo ma non ne vale la pena, ti costerebbe molto di più che € 70,00.
I comuni, specie se piccoli e hanno l’autovelox, “giocano” molto su questa cosa.

Mi spiace

The Gecko

giani ha detto..
il 14 Luglio 2007 alle 00:02

ps: i ricorsi fatti al giudice di pace credo che non costino… sbaglio??

lui la plume ha detto..
il 14 Luglio 2007 alle 02:20

Alcuni comportamenti adrebbero visti in una ottica diversa, se scorretti andrebbero puniti con il licenziamento in tronco del vigile, del sindaco e di quanti contribuircono a far nascere nei cittadini una sfiducia nello Stato.

Questi comportamenti andrebbero puniti come “vilipendio alla Nazione”.

La scelta di fare entrare i proventi delle multe nelle casse di chi “deve” mantenere ordine e’ sbagliata, regolamentare e facilitare la fruizione della citta’ e’ un dovere, un onere e non deve trasformarsi in una fonte di reddito, credo ormai tutti i cittadini odino i “conflitti di interesse”.

riccardo ha detto..
il 14 Luglio 2007 alle 02:41

Paghi subito l’importo della multa raddoppiato. Se poi dopo ti viene data ragione ti viene restuito tutto credo pure con gli interessi…

roberta ha detto..
il 14 Luglio 2007 alle 09:03

Se c’era lo ztl la multa è giusta e vanno rispettati i vigili che applicano la legge.

Lidia ha detto..
il 14 Luglio 2007 alle 09:15

Penso ci voglia un pò di buon senso. Si è vero, c’era ztl, ma se hanno chiesto ai vigili la strada corretta per l’acquario, è evidente lo sbaglio. Non penso volessero fare i furbi. Insomma certe volte i vigili sono troppo severi e intolleranti!

Claudio ha detto..
il 14 Luglio 2007 alle 11:05

E’ vero i vigili sono intolleranti….sarebbe stato meglio una bella telecamera che gli mandava la multa dopo tre mesi. Sarebbe anche interessante l’opinione della vigilessa.

LM ha detto..
il 14 Luglio 2007 alle 11:27

Veramente incredibile….

Gianni Basso ha detto..
il 14 Luglio 2007 alle 16:01

Ma davvero vi stupite?
Io sono per il partito del buonsenso ma lo sapete che, spesso, il comune offre incentivi sullo stipendio ai vigili che raggiungono un certo numero di contravvenzioni?

Ci credo che poi si mettono a multare pure i passeggini…

Fossi vigile credo che pure io, per arrotondare, per arrivare alla fine del mese o solo per concedermi un vizio in più, mi metterei a fare come ROBOCOP

brillante eh?
Saluti

becciagrillo ha detto..
il 14 Luglio 2007 alle 22:41

Con tutto il rispetto per Gianni ma che i vigili più multe fanno e più guadagnano mi sembra la classica leggenda metropolitana..

fulvio ha detto..
il 15 Luglio 2007 alle 15:23

Non so come funzioni a Genova , credo comunque che la normativa sia comune per tutti. In Riviera la calata dei turisti “da spennare” è vista come tale non solo da albergatori , commercianti e operatori turistici in genere , ma anche dagli addetti al traffico dei Comuni che hanno buon gioco nel marasma sradale che c’è qui. La “multa” è un grande introito per le casse comunali e , se non sbaglio , con ricadute anche direttamente per il servizio dei Vigili Urbani (gli stipendi son sempre i soliti). Va da se capire la straordinaria solerzia che viene messa nell’elargire questi che sono in molti casi dei veri e propri prelievi straordinari che vanno ad aggiugersi ai già salati conti del ristorante e dell’albergo.

Uff.M.R.I AGP ha detto..
il 15 Luglio 2007 alle 17:07

Comunque non c’è da stupirsi dei vigili urbani ( polizia municipale ) sono tutti uguali mi hanno contestato una multa che loro dichiaravano che avevo l’impianto auricolare e poi mi contestano la multa quando mi ero già fermato difronte al cantiere questi Signori sono usciti da da una via secondaria avvicinano al furgono che io ero già procinto per scendere è possibile che i Sgnori Agenti quando contestano le infrazioni sono sempre con la divisa sbragata e senza bustina sul capo come prevede la leggislatura italiana che tutti gli agenti e militari devono avere la uniforme in servizio sempre in ordine invece mi sembra che gli AGENTI DI PIETRA LIGURE sembra che sannocosa vuol dire indossare una divisa per la tutela del citadino spero che tutto lo legga SUO ILLUSTRIMMO PREFETTO/VICE o il COMANDANTE REGIONALE per dargli una bella tiratine di orecchie ed è il minimo che si possono fare

OPPIDANUS ha detto..
il 16 Luglio 2007 alle 00:19

Caro Fabio, mi spiace veramente dell’increscioso episodio che ti è capitato e conoscendoti, sia per la tua disponibilità con il pubblico e la tua educazione, posso immaginare la scena. Come diceva Totò ( nel film tototruffa 62) ” un vigile integerrimo esiste e lo abbiamo beccato noi!!) Se la segnaletica era presente e ben visibile non perdere neanche tempo a fare ricorso, lo perderesti. MI auguro che qualche funzionario del Comune di Genova legga questi messaggi e prenda spunto per rivedere la situazione in quel punto, poichè mi chiedo :- possibile che tutti sbagliano la strada??? C’e forse qualcosa da correggere?? Una cosa posso dirti, almeno tu con la vigilessa ci hai parlato, in altri Comuni invece le bollette spuntano dal nulla…….
cordialità

LS ha detto..
il 16 Luglio 2007 alle 15:11

Non mi stupisco più! Qualche anno fà avevo la macchina targata GE e da Albenga sono andata ad Alassio per una commissione. Ho parcheggiato in mezzo ad altre auto in sosta, non notando il divieto. Dopo un’ora ho trovato la multa sul parabrezza e, udite udite, era l’unica multata della fila! Ho scoperto che è meglio specificare con un adesivo di non essere un turista! Bello, non c’è che dire!!!

Gloria ha detto..
il 17 Luglio 2007 alle 11:18

il marito di una mia amica di Milano si è visto recapitare n° 02 multe per transito in ZTL a Brescia. (telecamere) Tra l’orario della prima e quello della seconda multa intercorrono 2 minuti. Kiamato l’ufficio competente del Comune di BRescia, x segnalare l’anomalia, la risposta è stata ke il guidatore poteva benissimo cambiare strada visti i cartelli (ke però il marito della mia amica nn ha visto kiaramente eppure non era del posto). La premessa dell’addetto al comune di brescia era ke loro “non tendono tranelli”. come si vede non è una prerogativa ligure. Ma un simpatico metodo x fare cassa da parte dei comuni italiani. Attenzione quindi!!

oppidanus ha detto..
il 19 Luglio 2007 alle 00:38

Relativamente ai varchi elettronici un mio conoscente in 2 giorni a Padova nè ha presi 15 e nonostante abbia esternato le sue lamentele ha ricevuto risposta che la legge viene applicata e non giudicata da chi la applica. Forse a causa della mancanza di un cartello ( forse fraudolentemente rimosso per ripicca da qualcuno) , riesce a trovare una via di uscita. Sono intervenuto per avvisare che forse ad Albenga vogliono mettere i varchi elettronici, che ritengo superflui e dannosi per tutti anche perchè ritengo che la viabilità del centro storico ( via roma – via e. d’aste- via medaglia d’oro) possa essere facilmente controllata da un agente della PM, con il quale – nel bene e nel male- è possibile interloquire immediatamente. Con le macchine e i verbali bisogna sempre ricorrere!!!!!!!Se mettono i varchi è solo per c.d. fare cassa a spese dell’utente. Spero che l’Amministrazione non faccia anche questo errore!!!!!!!. Saluti

Bruno Pirastu ha detto..
il 19 Luglio 2007 alle 09:04

A Milano in ZTL io ne ho prese due , una per esserci entrato, inconsapelvolmente , la seconda , 5 minuti dopo, mentre ne uscivo. Se andate a Milano fate attenzione perchè è piena di cartelli ZONA A TRAFFICO LIMITATO, già in periferia ma solo certi sono quelli che fregano. Il ricorso al Giudice di Pace mi hanno detto essere inutile in quanto anche se non sempre leggibili , ci sono i cartelli indicatori. Certo che è ridicolo vedere come si tutelano quei meneghini a casa loro e poi si lamentano della riviera e dei parcheggi per residenti.

CERCAarticoli