Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 13090 del 16 luglio 2007 delle ore 11:40

Mons. Calcagno presto a Roma, la diocesi attende il successore

[thumb:3697:r:Mons. Calcagno]Savona. Non si occuperà dell’8 per mille né di aspetti tecnici dell’economia, ma piuttosto di indirizzi relativi all’amministrazione di beni mobili ed immobili della Santa Sede. Monsignor Domenico Calcagno, nominato nei giorni scorsi dal Papa nuovo segretario dell’Apsa, l’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica, ha assunto un ruolo che lo costringerà in tempi brevi al trasferimento nella capitale. Sollecitazioni in tal senso già arrivano dalla Curia romana. Per ora, tuttavia, il vescovo rimarrà a Savona, almeno per il mese di luglio, poi comincerà a fare il pendolare tra Savona e Roma e forse soltanto a metà settembre si trasferirà in Vaticano. Se per allora sarà già stato nominato il suo successore alla guida della diocesi di Savona-Noli, ci sarà l’avvicendamento, in caso contrario sarà probabilmente nominato un amministratore provvisorio per gestire il periodo di vacanza della sede. Sui nomi dei candidati che potrebbero prendere il suo posto, Calcagno non è in grado di fare previsioni: “Al momento non saprei indicare il nome del successore” si è limitato a dire. Monsignor Calcagno, elevato contestualmente alla dignità di arcivescovo, prende il posto all’Apsa di Monsignor Claudio Maria Celli, nominato nuovo presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni sociali. Il prelato farà da vice, in pratica, al cardinale Attilio Nicora, presidente dell’Apsa, rinnovando una collaborazione che già aveva sperimentato alla Conferenza Episcopale Italiana. Il vescovo di Savona ha sottolineato più volte di non aver neppure immaginato la sua repentina nomina, che lo ha colto nel pieno svolgimento dell’attività nel vescovado: “Non me l’aspettavo proprio – ha affermato – Pensavo che se questo trasferimento doveva avvenire, si sarebbe concretizzato solo a settembre. Ma qualcuno ha voluto che avvenisse prima. Credo che la mia esperienza come economo della Cei e come responsabile del Sostentamento Clero per molti anni sia una delle ragioni che mi hanno portato a questo incarico”. Le altre ragioni della nomina sono state l’amicizia di Calcagno con monsignor Tarcisio Bertone, attuale segretario di Stato, maturata ai tempi della comune esperienza nella diocesi di Vercelli e poi alla Cei, e la lunga amicizia con il titolare dell’ufficio amministrazione del patrimonio apostolico, il cardinale Nicora, una conoscenza che dura da quarant’anni, dai tempi del seminario. Nei giorni della sua nomina all’ente che amministra il patrimonio della Sede Apostolica, Monsignor Calcagno ha annunciato che Papa Ratzinger sarà a Savona nella primavera del 2008 per fare visita al Santuario di Nostra Signora della Misericordia.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli