Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 13119 del 16 Luglio 2007 delle ore 18:58

Savona, rapina alla Cariparma di via Paleocapa

[thumb:3735:r]Savona. Rapina all’orario di chiusura, intorno alle 16,15, alla Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza, ex Banca Intesa, di via Paleocapa a Savona. Ad agire con fermezza ma con tempi piuttosto lunghi è stata una vera e propria banda di rapinatori, composta da tre elementi. I malviventi sono entrati all’interno della filiale attraverso un buco praticato nella parete di un ufficio e, dopo aver tenuto in ostaggio per circa un’ora i presenti, si sono fatti consegnare il denaro delle casse, quindi si sono dati alla fuga facendo perdere le loro tracce. Sul posto è intervenuta la squadra mobile della Questura di Savona, che ha subito avviato le indagini del caso. Gli agenti di polizia hanno ascoltato i testimoni presenti ed effettuato i rilievi alla ricerca di eventuali tracce lasciate dai malviventi. Al vaglio degli inquirenti anche le registrazioni della videosorveglianza interna alla banca. Non si sarebbe trattato di un colpo improvvisato, ma di una rapina studiata nei minimi dettagli. I banditi infatti hanno fatto irruzione attraverso un buco praticato nella parete divisoria tra un ufficio al primo piano della banca e un appartamento vuoto situato in un condominio di via Ratti. Un varco individuato a tavolino dai malviventi: è possibile che il buco del diametro di circa un metro nella tramezza sia stato preparato con calma nei giorni precedenti. I tre rapinatori sono entrati in azione quando gli impiegati avevano appena iniziato le operazioni di chiusura agli sportelli ed hanno tenuto per circa un’ora sotto la minaccia di armi da fuoco undici dipendenti, un cliente e un corriere della Sda. Si sono fatti consegnare dagli impiegati i soldi di cassa, circa diecimila euro, e dopo essersi resi conto di non poter accedere alle casseforti hanno riunchiuso i tredici ostaggi in uno sgabuzzino. Infine sono fuggiti. Secondo le testimonianze raccolte dagli investigatori, i tre erano armati di pistole, avevano i volti cammuffati da baffi finti e occhiali, e parlavano con accento meridionale. La polizia ha avviato indagini a tappeto e istituito posti di blocco per identificare e bloccare i fuggitivi.

[image:3735:c:s=1:t=La filiale della Cariparma a Savona]


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli