Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 13164 del 18 Luglio 2007 delle ore 09:03

Ospedale Santa Corona: il nuovo sito è poco accessibile

[thumb:3738:r]Pietra Ligure. A seguito di alcune segnalazioni inviate dai nostri lettori abbiamo visitato il sito dell’ospedale Santa Corona, che è stato recentemente rinnovato sia nei contenuti che nella grafica. Il sito, dalla veste grafica molto piacevole, presenta tutti i servizi dell’azienda ospedaliera, ed è molto ricco di informazioni pratiche liberamente consultabili. Il problema si pone se si pensa che in Italia esiste una legge, la n. 4 del 9 gennaio 2004, meglio conosciuta come “Legge Stanca” che impone a tutti gli enti pubblici, comprese le strutture sanitarie, di dotarsi di un sito accessibile. Il sito accessibile è un sito web che sia navigabile da chiunque, vale a dire anche da persone diversamente abili, come i non vedenti o persone con difficoltà motorie e non in grado, per esempio, di usare il mouse. La legge definisce standard a cui tutte le publiche amministrazioni dovrebbero attenersi, ma si tratta di direttive per lo più disattese se non addirittura sconosciute: in tutta la provincia di Savona, fra i siti istituzionali, soltanto quello della Camera di Commercio rispetta i parametri della Legge Stanca. L’ente camerale savonese è la seconda camera in tutta i Italia ad aver ottenuto il logo del CNIPA che certifica l’accessibilità. Sono 22 le direttive che un sito internet deve rispettare per essere considerato accessibile: quasi la metà di queste non sono rispettate dal sito dell’ospedale di Pietra Ligure, che invece proprio per le informazioni trattate e il target verso cui è indirizzato dovrebbe essere davvero alla portata di tutti. In base ad un rapido test il sito non risulta conforme ai parametri essenziali: non è scritto in linguaggio XHTML (requisito n° 1); non è presente una versione solo testo (requisito n° 3); non è presente una versione ad alto contrasto (requisito n° 6); non è possibile navigare il sito semplicemente utilizzando la tastiera (requisito n° 21) e molti altri. La cosa che sorprende maggiormente è come sul sito siano presenti i due loghi, in basso a destra, che certificano il rispetto della codifica con cui sarebbero state realizzate le pagine web. Le verifiche sull’accessibilità, però, eseguibili da chiunque in pochi click, danno esito negativo.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli