Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 13236 del 19 Luglio 2007 delle ore 10:08

Loano, domenica al via la rassegna di musica tradizionale

[thumb:615:r]Loano. Domenica 22 luglio, a Loano, prenderà il via la terza edizione del Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana, organizzato dall’Associazione Compagnia dei Curiosi e dall’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano con il contributo dell’Assessorato allo Spettacolo della Regione Liguria e con il patrocinio della Provincia di Savona. Nato tre anni fa, con il coordinamento artistico di Enrico Deregibus e John Vignola, il Premio Città di Loano, che quest’anno ha ottenuto il prestigioso riconoscimento del Premio Medaglia d’Argento del Presidente della Repubblica, promuove e valorizza la nuova interpretazione della musica popolare di radice italiana attraverso il coinvolgimento di artisti, etichette discografiche e operatori culturali.
“La filosofia dell’Amministrazione Comunale di Loano in campo culturale” dice l’assessore al turismo e alla cultura, Nicoletta Marconi “ha un filo conduttore comune che è quello di recuperare la tradizione riproponendola in chiave contemporanea. La ricchezza del patrimonio musicale tradizionale italiano non viene riproposta come un recupero archeologico ma come viva espressione di una cultura che ha radici profonde che si rinnovano in nuove espressioni musicali. All’intento di contribuire con questa nostra iniziativa ad un ampio processo culturale presente oggi in Italia, si unisce la volontà di promuovere sul nostro territorio, soprattutto nei confronti dei giovani, il valore dell’identità culturale popolare italiana in un continuo rapporto con nuovi linguaggi musicali e con ‘altre culture’. Inoltre, unico in Italia, il Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana, è un biglietto da visita, assolutamente originale, che ci differenzia dal contesto di tutte le altre cittadine rivierasche. Un progetto che qualifica l’offerta turistica regionale offrendo ai nostri ospiti l’occasione di coniugare una vacanza di mare con una offerta di intrattenimento di valore culturale-popolare”.
A dare il via al festival, il 22 luglio, sarà la Festa Popolare dedicata a musiche e danze tradizionali. La Briga del Piffero condurrà gli appassionati delle danze popolari nei ritmi delle regioni occitane delle valli cuneesi, nelle bourrèe del centro Francia fino ai balli delle regioni basche.
Il 23 luglio, sulla promenade di Loano, Lucilla Galeazzi presenterà dal vivo il suo ultimo lavoro “Amore e Acciaio”, disco che la giuria del Premio Nazionale Città di Loano ha decretato miglior album 2006. Cantante umbra, autrice, ricercatrice di musica popolare dalla notevole tecnica esecutiva ed da una raffinata sensibilità musicale, Lucilla Galeazzi vanta una carriera ricchissima di esperienze, grazie a collaborazioni con artisti del calibro di Giovanna Marini e Roberto De Simone. Ricca di influenze espressive e stilistiche tipiche della tradizione popolare italiana, è una delle cantanti più interessanti emerse negli ultimi decenni nel panorama del folk revival italiano.
Il 24 luglio, il festival ospiterà I Cantori di Carpino, i depositari della più straordinaria ed affascinante tarantella del sud Italia, l’ancestrale tarantella del Gargano. Accanto agli anziani Andrea Sacco, recentemente scomparso, Antonio Piccinino e Antonio Maccarone, si è radunato un gruppo di giovani musicisti diretti da Nicola Gentile. È nato così il gruppo dei Cantori di Carpino, un “ensemble generazionale” che propone uno straordinario percorso di musica etnica di valore internazionale, che testimonia il portentoso salto di generazioni che questa musica riesce a compiere. A guidare il gruppo sarà Antonio Piccininno, classe 1916, a cui simbolicamente sarà consegnato il Premio alla Carriera.
Sul palco del Premio Città di Loano, il 25 luglio saliranno gli Abnoba, sei giovani musicisti che si muovono nei territori della “nuova tradizione”. La musica degli Abnoba è frutto di una ricerca estetica volta non alla riscoperta e riproposta di un particolare repertorio tradizionale, ma bensì alla composizione e all’improvvisazione, che crea un’evoluzione della musica tradizionale. Nella serata sarà consegnato il Premio realtà culturale a Franco Lucà, operatore culturale che da oltre trenta anni promuove percorsi che ricostruisco e raccolgono l’eredità della cultura popolare italiana in relazione con le altre culture del mondo.
La chiusura del festival sarà affidata alla produzione originale, che quest’anno, per la prima volta, il Premio Città di Loano ha voluto realizzare. Il 26 luglio, nell’Arena estiva Giardino del Principe il canto popolare si unirà alla canzone d’autore con Cisco, Ginevra Di Marco, Faraualla e Piero Pelù. Canto Popolare – Libero Pensare è il sottotitolo dello spettacolo originale ideato da Francesco Magnelli per Loano. Nel programma della serata è previsto un omaggio ad Andrea Parodi.
Altra, novità dell’edizione 2007 è l’iniziativa il Premio Incontra, uno spazio d’incontro, programmato in collaborazione con etichette, artisti ed operatori culturali che saranno a Loano per promuovere progetti e percorsi musicali.
Il 24 luglio, toccherà all’album “I Virasolelhs” dei Lou Dalfin che sarà presentato da Sergio Berardo, leader storico della band e da Roberto G. Sacchi, giornalista e direttore di Folk Bullettin. Il 26 luglio sarà la volta di “Rosa Resolza”, il nuovo album di Andrea Parodi e Elena Ledda. Valentina Casalena, che ha prodotto insieme a Michele Palmas il disco, ed Enrico de Angelis, giornalista e direttore artistico del Club Tenco, condurranno il pubblico alla scoperta del nuovo progetto musicale, che raccoglie undici brani interpretati da due delle voci più significative della Sardegna.
I concerti, tutti ad ingresso gratuito, prenderanno il via alle ore 21.30.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli