Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 13348 del 22 Luglio 2007 delle ore 22:30

Trionfo tedesco alla Alassio Women Volley Cup

Alassio. Si è chiusa ieri sera l’edizione 2007 della “Alassio Women Volley Cup”, quadrangolare di pallavolo femminile. Dieci partite che hanno portato il volley di alto livello nella città del Muretto, al termine delle quali ha trionfato la nazionale tedesca.
Nella finalissima, giocata alle 18 per lasciare all’Italia l’onore del match in serata, la Germania ha schiacciato la Turchia in poco più di un’ora di gioco. L’opposto Kozuch è stata eletta MVP del torneo e il centrale Furst MVP della finale, un ultimo atto che è stato praticamente a senso unico. Questo il tabellino della sfida nella quale c’era un po’ di Italia: infatti sono nostri connazionali gli allenatori di entrambe le formazioni:
Turchia – Germania 0 – 3 (15 – 25, 16 – 25, 20 – 25)
Turchia: Mert, Gokcen 4, Erdem 1, Darnel 14, Kirdar 5, Can,  Kayalar (libero), Neriman 5, Celik 1, Hakyemez, Yeldan. Allenatore: Chiappini.
Germania: Ssuschke 12, Weiss, Kozuch 12, Furst 9, Steffen 11, Brinker, Tzscherlich (libero); Gollan 4, Beier 7, Bouagaa 1, Apitz. Non entrate: Radzuweit. Allenatore: Guidetti.
Durata set 21′, 25′, 26′, totale 1h12′. Turchia: battute vincenti 4, battute sbagliate 6, muri 3, errori gratuiti 10; Germania: battute vincenti 9, battute sbagliate 9, muri 9, errori gratuiti 5.
E così, dopo l’esultanza delle giocatrici tedesche per il trofeo conquistato, ecco l’Italia chiamata al riscatto dopo due sconfitte consecutive. Il successo è arrivato, molto netto, complice anche una Repubblica Ceca non irresistibile in una partita tutt’altro che spettacolare, con tantissimi errori non forzati da entrambe le parti.
Barbolini ha schierato Ferretti in regia, Ortolani sulla sua diagonale, Fiorin ed Del Core di banda, Arrighetti e Gioli al centro, Croce libero. Solamente il secondo set è stato equilibrato, con un’ottima partenza delle ceche che hanno condotto per quasi tutto il parziale, arrivando anche sul 21 – 18 a proprio favore. Ma l’Italia non ha perso la concentrazione e ha recuperato il distacco. Le azzurre hanno sbrigato la pratica con un convincente terzo set, grazie alle tante palle messe a terra da Ortolani e all’ottima prestazione di Simona Gioli, eletta miglior giocatrice della “finalina”.
Il tabellino:
Italia – Repubblica Ceca 3 – 0
(25 – 19, 26 – 24, 25 – 20)
Italia: Ferretti 1, Fiorin 9, Arrighetti 4, Ortolani 16, Del Core 11, Croce (libero); Vitez 1, Guiggi 3, Rondon. Non entrate: Barazza, Cicolari. Allenatore: Barbolini.
Repubblica Ceca: Jelinkova 2, Matuszkova 7, Plchotova 3, Jamborova 10, Havelkova 8, Spalova 10, Tomanova (libero); Senkova, Horka, Simankova. Non entrate: Havlickova. Allenatore: Krempaska.
Arbitri: Zecchini e Revelli.
Durata set: 22′, 27′, 24′, totale 1h13′. Italia: battute vincenti 6, battute sbagliate 10, muri 5, errori gratuiti 20; Rep. Ceca: battute vincenti 5, battute sbagliate 7, muri 8, errori gratuiti 21.


» Christian Galfrè

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli