Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 13612 del 28 Luglio 2007 delle ore 12:12

Loano: successo per la III edizione del Premio Nazionale per la Musica Italiana

[thumb:3829:r]Loano. Si è conclusa con una grande festa musicale la terza edizione del Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana. Oltre mille persone hanno confermato con calorosi applausi e richieste di bis il gradimento della prima produzione del Premio Città di Loano, Stazioni Lunari: Canto Popolare, Libero Pensare che giovedì sera ha chiuso il festival, organizzato dall’Associazione Compagnia dei Curiosi e dall’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano con il contributo dell’Assessorato allo Spettacolo della Regione Liguria e con il patrocinio della Provincia di Savona. Per cinque giorni Loano è stata il luogo d’incontro di artisti, operatori culturali, etichette, giornalisti ed appassionati: un palcoscenico per la produzione contemporanea di musica tradizionale, che ha dimostrato la sua vitalità nelle proposte artistiche e nel consenso che il pubblico, numeroso e partecipe, ha accordato al progetto in ogni serata. “Il premio nato tre anni fa, con il coordinamento artistico di Enrico Deregibus e John Vignola” dice l’Assessore al Turismo e alla Cultura Nicoletta Marconi “ha confermato con questa edizione di essere un progetto che ci consente di entrare a pieno titolo in un processo culturale in movimento nel nostro paese e nello stesso tempo offre alla nostra città l’opportunità di ritagliarsi a livello nazionale una visibilità assolutamente originale.”
“Il bilancio di questa edizione” aggiunge il direttore artistico John Vignola “è molto positivo. Le novità introdotte quest’anno sono state apprezzate dal pubblico e dai giornalisti presenti nelle giornate del festival. Si è aperta con questa terza edizione una nuova strada che ci porterà per il prossimo anno a sviluppare accanto alle serate musicali un programma più ampio di appuntamenti pomeridiani nell’ambito del Premio Incontra. Lo spazio d’incontro, programmato in collaborazione con etichette, artisti, giornalisti ed operatori culturali, quest’anno ha ospitato con successo la presentazione dell’album “I Virasolelhs” dei Lou Dalfin e dell’album “Rosa Resolza”, di Andrea Parodi e Elena Ledda.
Numeroso e partecipe il pubblico non ci ha mai abbandonato: ha accolto con entusiasmo la cantante umbra Lucilla Galeazzi, che con grande capacità espressiva lo ha condotto nel mondo contadino ed operaio di Terni e della Valnerina e I Cantori di Carpino che hanno portato a Loano la tarantella del Gargano e la vitalità di un cantore di oltre novant’anni che, nonostante l’età, percorre ancora tutta l’Italia per raccontare la storia e la tradizione della sua terra. Applausi e richieste di bis anche per i giovanissimi Abnoba che hanno dimostrato di saper contribuire con il proprio personale percorso musicale all’evoluzione della musica tradizionale contemporanea. Ed infine, note positive, anche per la prima produzione del festival, che è stata capace di stabilire un ponte ideale tra Liguria, Sardegna, Toscana, Emilia Romagna e Puglia con la presenza di Cisco, Ginevra di Marco, Faraualla, Piero Pelù in una serata dove la canzone d’autore ha intrecciato la musica popolare e tradizionale. L’omaggio ad Andrea Parodi e a Caterina Bueno, che ha visto salire sul palco, accanto agli altri interpreti, la cantante sarda Elena Ledda, è stato uno dei momenti più coinvolgenti della serata. “Possiamo affermare, in conclusione, che il Premio Nazionale Città di Loano in questi anni è cresciuto e ha acquistato una maggiore consapevolezza del percorso intrapreso. La risposta positiva del pubblico e degli addetti ai lavori ci incoraggia a rilanciare per il prossimo anno con l’obiettivo di stabilire sempre nuove relazioni che consentano al premio di diventare un qualificato e consolidato punto di riferimento per la produzione contemporanea di musica tradizionale italiana.”
[image:3829:c:s=1]


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli