Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 13725 del 31 Luglio 2007 delle ore 18:30

Rapina alla San Paolo di Albenga: sopralluogo della scientifica

[image:3845:r:s=1]Albenga. Proseguono le indagini sulla rapina messa a segno ieri alla filiale della banca San Paolo nella zona di Pontelungo, in via Valle d’Aosta, ad Albenga. I banditi sono fuggiti con un bottino superiore ai 30 mila euro. A prendere d’assalto l’istituto di credito sono stati due uomini che, forzando la finestra di un bagno ed aggirando il sistema di allarme, hanno approfittato dell’orario di chiusura per introdursi, intorno alle 13,30, nel salone principale. I banditi, con il volto reso irriconoscibile da caschi integrali da motociclista, hanno estratto due pistole – forse giocattolo – e, dopo avere recluso gli impiegati presenti nei servizi igienici, si sono impadroniti del denaro contenuto nelle casse. Alla fine di due si sono allontanati in sella a due ciclomotori, tra cui un Piaggio Skipper verde, che hanno abbandonato in via Bologna, dietro la Pretura, per proseguire la fuga molto probabilmente a bordo di un’auto. Dagli accertamenti effettuati i motocicli sono risultati rubati alcuni giorni fa a Finale Ligure. Continuano intanto le indagini da parte degli agenti del commissariato di polizia di Alassio. Dopo i primi rilievi all’interno della banca, gli esperti della scientifica oggi sono tornati a caccia di eventuali impronte e reperti organici. I rapinatori però sono stati bene attenti a non lasciare tracce e si sono premuniti di utilizzare guanti durante il colpo. Gli investigatori ipotizzano che possa trattarsi di professionisti del crimine, magari in trasferta dal Piemonte o dalla Lombardia. Secondo gli impiegati dell’agenzia bancaria i malviventi parlavano in lingua italiana senza accenti stranieri e cadenze dialettali. La banca San Paolo di via Val d’Aosta era già stata svaligiata lo scorso 9 ottobre. In quel caso i malviventi, armati di taglierino, avevano portato via un bottino di 20 mila euro ed avevano preso in ostaggio una cliente prima che il direttore si offrisse di accompagnarli personalmente all’uscita.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli