Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 13755 del 01 Agosto 2007 delle ore 12:52

Savona: domani sera al Santuario il concerto jazz del Paul Jeffrey Quartet

[thumb:3871:r]Savona. Nell’ambito della “Città dei Quartieri”, l’Assessore ai Quartieri del Comune di Savona Francesco Lirosi ha dato vita ad un programma di eventi nelle aree periferiche della città. Tra questi spicca il concerto in programma domani sera alle ore 21 sul sagrato del Santuario di N.S. Di Misericordia. Si tratta del Paul Jeffrey Quartet, composto da Paul Jeffrey, sax tenore, Alessandro Collina, pianoforte, Sebastien Adnot, contrabbasso, Thomas Galliano, batteria. Il concerto è inserito nel programma”Antichi Borghi di Liguria”, prodotto da Music Liguria International, che coinvolge numerose località della provincia di Savona (Alassio, Albenga, Albissola Marina, Castelbianco, Castelvecchio di Rocca Barbena, Finale Ligure, Millesimo, Stellanello). Lo scopo del concerto è quello di valorizzare un ambiente assolutamente particolare qual’è la piazza del Santuario di N.S. Di Misericordia, con valenze architettoniche eccezionali,distribuendo eventi di grande importanza sul territorio anche al di fuori del Priamar. “L’impegno del mio assessorato su questo evento va nella direzione di valorizzare i quartieri e i loro luoghi più belli ma anche di creare momenti di socializzazione e di aggregazione con manifestazioni di richiamo e di livello decentrati nella città“, ha affermato l’assessore Lirosi. Paul H. Jeffrey tenor-sassofonista americano nato a New York nel 1936, vanta una prestigiosa carriera accanto ai più importanti musicisti jazz; attivo già negli anni ’50, dopo aver collaborato con molte band, tra le quali Charles Mingus, Count Basie e Lionel Hampton, approda al quartetto del grande Thelonius Monk, nel quale rimarrà per diversi anni suonando in America, Europa e Asia. Quando Monk si ritira dalla scena concertistica, Jeffrey entra a far parte della Big Band di Dizzy Gillespie, con la quale suona per diversi anni e dove si cimenta anche in qualità di arrangiatore. Negli anni settanta incide alcuni album a suo nome nell’area della musica d’avanguardia, ma ben presto torna a suonare nel circuito dei “bopper” assieme a Curtis Fueller e J.Hicks. Nella seconda metà degli anni settanta ottiene la cattedra di musica jazz alla Duke University del North Carolina, dove insegna tuttora e dirige sia il dipartimento per le musiche afroamericane, sia il prestigioso Jazz Festival della Duke. Paul Jeffrey si è affermato in Italia agli inizi degli anni ’80, per aver introdotto i corsi di jazz nell’ambito di Umbria Jazz, contribuendo notevolmente allo sviluppo dell’insegnamento di questa musica nel nostro paese. Da molti anni torna in Italia per un breve tour estivo, esibendosi in festival e rassegne e continuando a insegnare a giovani studenti.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli