Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 13734 del 11 Agosto 2007 delle ore 10:30

Albenga, Sagralea compie 40 anni

Albenga. Sagralea compie 40 anni. La Rassegna del vino Pigato e degli altri vini liguri Doc della Liguria, che si svolgerà dal 4 al 9 settembre a Salea d’Albenga, è giunta, infatti, alla quarantesima edizione. Nata nel 1968 da un’intuizione dell’allora parroco di Salea, che lanciò la proposta di una manifestazione volta a valorizzare il vino Pigato, la rassegna, di anno in anno, si è sempre migliorata ed ingrandita passando dalla piccola piazza del paese alla più grande “Vermentina” e, quindi, dal 1980 in Regione Terraconiglio dove si svolge attualmente. Sagralea è organizzata dalla Cooperativa Macchia Verde, ex Società Sportiva Salea, che ha per scopo sociale la programmazione e l’organizzazione di iniziative e servizi di carattere vitivinicolo. Tanti sono stati gli obiettivi raggiunti dalla Cooperativa in questi anni come il conferimento, nel 1988, della Denominazione di Origine Controllata al Pigato, al Vermentino, al Rossese e all’Ormeasco. Oppure l’allargamento della rassegna a tutti i vini liguri Doc che ha, di fatto, promosso Sagralea a piccola Vinitaly della Liguria.

Sagralea è anche la rassegna dei grandi numeri con i suoi 150.000 visitatori, le 20.000 bottiglie di vino vendute e i 15.000 piatti serviti ogni sera. Ma Sagralea è anche una importante mostra mercato con 25.000 metri quadri di superficie espositiva e 200 stand. Oltre al vino e ai prodotti dell’artigianato, si è consolidato il rapporto anche con i prodotti del territorio e grazie alla collaborazione attiva con la Strada del Vino e dell’Olio la quarantesima edizione di Sagralea diventerà anche un piccolo Salone del Gusto con tanti espositori e tante specialità che daranno lustro alla rassegna.

Ma Sagralea è anche arte e cultura legate al vino. Per questo motivo quest’anno prende il via “Salea e i suoi vigneti”, il I Concorso di Pittura che si svolgerà a Salea d’Albenga dal 4 al 9 settembre nell’ambito della sagra. Il concorso, che è aperto a pittori di ogni provenienza e scuola, vuole valorizzare il territorio di Salea con particolare riferimento al suo più celebre prodotto: il vino. Le tele, munite di telaio in legno o di cartoni telati, dovranno avere una misura minima di 40 x 50 centimetri ed una misura massima di 70 x 100 centimetri. Le tele, che dovranno essere consegnate entro martedì 4 settembre, saranno esposte durante tutta la manifestazione per poter essere ammirate dal pubblico. Domenica 9 settembre alle ore 16,00 lagiuria esaminerà le opere e proclamerà i vincitori. Al primo classificato andrà un premio di 500 euro, il secondo classificato si aggiudicherà un premio di 400 euro mentre al terzo classificato andrà un premio di 300 euro.

Sempre presente anche il Ristorante IN Sagralea che quest’anno presenta grandi novità. Il cuoco Fausto Scola e il suo staff proporranno 5 serate assolutamente inedite che fonderanno cibo, vino e cultura in un mix tutto da… brivido. Già, perché le serate dal martedì al venerdì saranno “Dedicate a …” cinque maestri del brivido, cinque autori di libri gialli che hanno, però, avuto una particolare attenzione anche per la cucina e per i vini. I menù, quindi, si ispireranno al tema della serata fondendosi con i gusti e gli aromi della Liguria. Si comincia martedì 4 settembre con la regina del giallo l’inglese Aghata Christie, quindi, mercoledì 5 settembre sarà la volta della bolognese Danila Comastri Montanari. Giovedì 6 settembre toccherà ad uno degli scrittori italiani più amati, il siciliano Andrea Camilleri e al suo Commissario Montalbano. Venerdì 7 settembre il doveroso tributo andrà al francese George Simenon e al famosissimo Commissario Maigret. Sabato 8 settembre chiusura, per così dire casalinga, con la serata dedicata alla Liguria e a “Un’indagine al Nero di Seppia”, un noir della scrittrice Cristina Rava, ambientato proprio ad Albenga. Domenica 9 settembre gran finale, ma a sorpresa.

Per chi, invece, preferisce il clima della sagra ci sarà la possibilità come sempre di apprezzare le specialità che la tavola calda di Sagralea offre ormai abitualmente e cioè i ravioli di borragine al sugo, la polenta alla crema di tartufo, il coniglio alla ligure e le celebri pesche al Pigato.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli