Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 14167 del 13 Agosto 2007 delle ore 08:00

Savona, precario stato igienico dei giardini di via Trincee

[image:3981:c:s=1]

Verificando di persona quanto riportato da alcuni residenti del quartiere di Villapiana, ho potuto mio malgrado constatare le precarie condizioni di una porzione dei giardini di Via delle Trincee, per l’esattezza quella di fronte al ponte pedonale sul Torrente Letimbro.La piccola area, attrezzata di tavolo in legno e relative panche, è abitualmente utilizzata come luogo di bivacco da parte di talune persone che, oltretutto, lasciano sovente l’area in condizioni indecorose.
Si chiedono pertanto misure preventive per evitare il deterioramento dell’area quale maggiore presenza di forze dell’ordine ed impiego di sistemi di video sorveglianza nonché misure volte a garantire un minimo decoro per i cittadini che desiderano frequentare i giardini nel loro pieno rispetto, quali lavaggio e disinfezione.
Si segnala inoltre lo stato fatiscente del tavolo in legno, sicuramente non più idoneo a causa della sporcizia, agli scopi cui era stato inizialmente deputato.

Alessandro Venturelli
Consigliere della II Circoscrizione
Comune di Savona


» Redazione

2 commenti a “Savona, precario stato igienico dei giardini di via Trincee”
Roby80 ha detto..
il 13 Agosto 2007 alle 14:33

Parliamo solo del tavolo? E dove le lasciamo le aiuole diventate ormai servizi pubblici per cani e persone o, addiritura, le siepi utilizzate dai soliti tossici per i loro scambi di dosi? E dove sono i vigili di quartiere intorno alle 13 e alle 18 di ogni giorno, quando alcuni emergumeni barcollanti si danno l’usuale appuntamento vicino ai giochi dei bimbi? Probabilmente, per gli abitanti del quartiere che vorrebbero i giardini puliti ma che non sopportano neppure il “baccano” estivo delle poche iniziative comunali, va bene così.

amico73 ha detto..
il 13 Agosto 2007 alle 19:03

Buongiorno, sono un papà che abita nella zona di Villapiana da alcuni anni e che ha atteso prima di scrivere auspicando che le autorità fossero in grado di esaminare i problemi e di risolverli come da mandato ottenuto dalla popolazione che li ha votati.
Ho letto i vari articoli apparsi sui quotidiani e sul web relativi ai ” Giardini di Via Trincee, luogo di bivacco indecoroso” e, pur essendo felice che qualcuno finalmente si sia deciso a sensibilizzare sulla questione, mi permetto di sottolineare il fatto che mi pare molto riduttivo focalizzare il problema unicamente su una porzione dei giardini quando ho modo di verificare il degrado giornaliero e costante di altre parti dei giardini.
Mi riferisco alla parte che va dalla bocciofila fino all’area attrezzata per cani che avrebbe necessità di essere disinfettata e pulita con particolare attenzione alla puzza proveniente dall’area attrezzata per i cani che ovviamente non invoglia la popolazione a portare in quel luogo i propri fedeli amici.
Passo quindi alla porzione di giardini successiva rilevando che sono molti mesi che ho notato che vi è una perdita di acqua che crea una pozza piuttosto antiestetica e sicuramente non consona con la corretta pulizia e salubrità del luogo.
Vorrei inoltre sottolineare il continuo e perdurante degrado dell’area attrezzata a gioco per i bambini in cui i giochi sono parzialmente rotti o imbrattati dai vandali.
Inizio il mio personale esame dell’area partendo dal girello a cui è stato divelto il volante da moltissimi mesi ed invece di aggiustarlo è stato prelevato e portato in chissà quale luogo sicuramente non per aggiustarlo poichè, a distanza di molti mesi, non è stato rimesso a posto.
Noto anche che nessuno ha provveduto ad oliarne le parti meccaniche così si fa molta fatica a farlo girare dato che si è costretti ad azionarlo a spinta dall’esterno visto che, come ho scritto prima, il proprio volante è scomparso.
Continuo il mio esame verificarndo le altalene: alcune sono state aggiustate in maniera precaria ed una al momento presenta la catena rotta da moltissimi giorni con notevole influenza negativa sulla sicurezza per i bambini.
Il mio sguardo avanza verso lo scivolo e mi è impossibile non vedere le scritte presenti sullo stesso.
Esco poi dall’area destinata ai giochi ed il mio cammino viene interrotto dal passaggio di un cane di grande taglia, libero, senza guinzaglio nè museruola.
Proseguo il mio cammino verso l’uscita dei giardini e devo nuovamente fermarmi a causa di un motorino che mi taglia la strada.
A questo punto decido di uscire dai giardini per portare mia figlia in un altro luogo piu’ salubre e sicuro.
Auspico che il mio intervento anche se molto forte e poco diplomatico possa essere utile affinchè le autorità competenti possano seriamente e realmente procedere a ripristinare quest’area prima che il suo degrado costituisca un problema sociale ed economico piu’ elevato di quanto non sia già ora.

CERCAarticoli