Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 14790 del 31 Agosto 2007 delle ore 11:24

Scuole: progetto regionale per superare il caro libri

[thumb:1788:r]Regione. Si chiama “Supera il caro libri” ed è il progetto della Regione Liguria per stanziare almeno 1 milione di euro, nel prossimo bilancio, a favore delle scuole per incentivare l’acquisto “collettivo” di libri di testo e garantire la continuità, almeno per due cicli didattici, delle stesse edizioni. E’ questa la proposta, che potrà essere messa in atto nel prossimo anno scolastico, del vicepresidente della Regione Liguria e assessore all’Istruzione Massimiliano Costa con l’obiettivo di contrastare l’incremento dei prezzi di copertina dei libri di testo e l’uso delle case editrici di stampare sempre nuove edizioni a fronte di contenuti e programmi didattici invariati. “L’idea – spiega Costa – è quella di erogare fondi vincolati alle scuole per l’acquisto di libri di testo da mettere a disposizione degli alunni a reddito più basso o anche di intere classi. L’anno successivo gli stessi volumi saranno utilizzati dagli alunni più giovani”. In questo modo ogni scuola avrà a disposizione un patrimonio di libri di testo che verranno dati in prestito agli alunni, senza gravare così la famiglia di ulteriori oneri per l’acquisto. Tra le condizioni per poter accedere al finanziamento, c’è l’impegno, da parte delle istituzioni scolastiche, di non cambiare i libri per almeno due cicli didattici. “Oltre a questa misura – dichiara il vicepresidente – verrà garantito un sostegno economico a quelle scuole che produrranno materiale didattico di supporto all’insegnamento dei programmi curricolari, per via interna. In questo modo si premia la professionalità dell’insegnante e si garantisce una strumentazione didattica tagliata sul livello di preparazione e sulle esigenze formative della classe. Non è sempre indispensabile adottare libri che poi spesso si usano solo in parte!”. La legge sul diritto allo studio in vigore dall’anno scorso prevede l’erogazione di sussidi alle famiglie per la compartecipazione alla spesa dei libri di testo fino ad un massimo del 50% della spesa stessa e individua nei Comuni di residenza i soggetti responsabili di erogare tali contributi. “Con questa iniziativa – chiarisce Costa – non si abrogano i finanziamenti diretti alle famiglie, certamente ne diminuirà il numero di coloro che ne faranno richiesta, ma si coinvolgono le scuole direttamente nel sostenere politiche innovative anche sui sussidi didattici quali i libri di testo”. “Appena inizierà l’anno scolastico ed avremo le statistiche precise di quanti hanno fatto richiesta della borsa di studio per i libri di testo (nello scorso anno sono stati oltre 12.000 famiglie) – conclude il vicepresidente della Regione – emaneremo una circolare alle scuole per raccogliere la loro disponibilità concreta ad entrare nel progetto ‘Supera il caro libri’ e far sì che dalle prossime adozioni ogni collegio dei docenti possa concretamente intervenire a vantaggio delle famiglie”.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli