Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 14884 del 03 Settembre 2007 delle ore 13:51

Presto in provincia di Savona due nuove fattorie didattiche

Sono 14 le aziende agrituristiche della Liguria aderenti alla Confederazione Italiana Agricoltori (quattro ciascuna per le province di Genova, Imperia e La Spezia e due per quella di Savona) che quest’anno potranno iscriversi all’elenco regionale delle “Fattorie Didattiche”, al termine del secondo corso di formazione per operatori agricoli e agrituristici. Questa mattina nella sede della CIA Liguria, alla presenza del presidente regionale della CIA, Ivano Moscamora, e del’assessore regionale all’Agricoltura, Giancarlo Cassini, sono stati consegnati gli attestati ai partecipanti del corso. L’iniziativa vuole preparare e formare gli operatori del settore fornendo loro un corretto approccio didattico con le scolaresche, garantendo al contempo la sicurezza della struttura in cui operano. “L’obiettivo di questo corso è quello di mettere in condizione le aziende di accogliere al meglio le scolaresche ed essere veri e propri insegnanti in grado di trasmettere informazioni e nozioni su cosa è la campagna – spiega Gianna Benedetti, vice presidente della CIA Liguria e coordinatrice del corso di formazione -. Noi abbiamo cercato di adottare un ragionamento basato sul motto ‘Quello che sento lo dimentico, quello che vedo lo ricordo, quello che faccio lo imparo’, ovvero i bambini vanno delle aziende in sicurezza e possono partecipare e toccare con mano gli animali, le piante e fare tutta una serie di belle esperienze”. Un centinaio sono le aziende attualmente iscritte all’elenco regionale delle “Fattorie Didattiche” al termine dei corsi finanziati dalla Regione Liguria, che si prepara a sostenere i corsi anche per il prossimo anno. “Il ruolo di queste realtà è molto importante perché arricchisce di contenuti forti l’offerta turistica – commenta Giancarlo Cassini, assessore regionale all’Agricoltura -. In questo senso abbiamo voluto finanziare il corso di quest’anno e penso che riusciremo a finanziare quello del prossimo anno attraverso le misure del Piano di Sviluppo Rurale. Il prossimo anno estenderemo il ragionamento anche alla scuola con corsi di formazione per insegnanti che vorranno mettersi in collegamento con le Fattorie didattiche”


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli