Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 14955 del 05 Settembre 2007 delle ore 13:49

La replica di Nicolick sulla questione dei piccioni

I piccioni e le loro deiezioni sono sicuramente pericolosi per gli uomini, non lo affermo io, ma l’O.M.S., e precisamente: per via delle zecche che albergano in essi, algas reflexus che puo’ veicolare la malattia di lyme; per via della CRIPTOCOCCOSI infezione assai temibile e si e’ recentemente appurato che il lievito responsabile di questa malattia causa gravissime forme di meningite e meningoencefalite (la stretta relazione tra gli escrementi dei piccioni e la propagazione della criptococcosi e’ oggi innegabile); per via della salmonellosi, istoplasmosi, , toxoplasmasi; inoltre altri possibili vettori di infezioni portate dai colombi stessi, ritroviamo: oltre alle succitate zecche, cimici, acari. Le deiezioni o guano dei piccioni danneggiano gravemente i monumenti cittadini, anche questa e’ una realta’ sotto gli occhi di tutti, cito solo a piccolo esempio , un passo della relazione dell’Architetto Vio di Venezia che sta curando il restauro delle facciate di monumenti della Venezia antica: “I danni provocati dai colombi sono altissimi – conferma anche il Vio – Questi escrementi sono molto acidi e deteriorano i marmi, in particolare quelli greci della Basilica”. Si puo’ certamente e sottilizzare o fare della pura accademia su tutto cio’ che danneggia la nostra salute e i monumenti, partendo dai MC Donald per arrivare sino all’uso poco corretto del preservativo attraversando le famosissime piogge acide, conosco addirittura alcuni storici che tuttora negano l’esistenza dei campi di concentramento nazista, per cui non mi stupisco se qualcuno dice che il guano ed i piccioni non sono pericolosi per la salute.io molto concretamente ho illuminato un problema che i Cittadini mi hanno segnalato. Punto e basta. Poi se a qualcuno piace visitare i suoi morti mentre i piccioni lo bombardano di guano dall’alto, liberissimo, di farsi lordare ma non costringa gli altri a seguire il suo esempio.
Aggiungo che ho ricevuto alcune mail, sull’argomento piccioni, dai contenuti minacciosi e intimidatori.
Non sono uno che si spaventa facilmente, inoltre amo gli animali e l’ho dimostrato ampiamente, penso che gli animali debbano essere protetti dall’uomo, invece gli animalisti, o almeno alcuni, debbano essere protetti da se’ stessi.
Pero’ , le minacce via mail sono arrivare gia’ qualche mese fa, quando criticai la dirigenza ENPA, sull’uso, secondo me errato, di una forte somma di denaro, destinata all’acquisto di un immobile invece che alle migliorie del canile. Penso che a toccare certi argomenti molto delicati, a volte si corrono dei rischi.

Roberto Nicolick

Risposta di un lettore:

Le Organizzazioni sanitarie mondiali e gli esperti cui fa riferimento Nicolick, elencando tutte le possibili malattie trasmissibili dai colombi, hanno evidenziato che, nella pratica, esse non sono pericolose; naturalmente questo strano amante degli animali si è dimenticato di dirlo. Continuo quindi a ribadire che è partito da una giusta protesta per sostenerla con ragioni errate.
Sulle scritte sui muri penso che dovrebbe avere la decenza di andarle a cancellare, come spesso lui stesso pretende che faccia il comune con le altre.
Invece infine di andare a cercare colpevoli inesistenti (l’Enpa gli ha risposto per le rime sui giornali in cui lui criticava l’apertura di un centro di ricovero per animali bisognosi) dovrebbe meditare sulla condanna patteggiata per la convalida di firme inesistenti nelle passate elezioni, di cui non parla mai.

Giuseppe Salvadivita, Savona 


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli