Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 15066 del 09 Settembre 2007 delle ore 10:03

Pietra Ligure, Trauma Center all’ospedale Santa Corona

[thumb:4185:r]Pietra Ligure. Il progetto del Trauma Center al Santa Corona è pronto. La struttura è destinata a rafforzare il Dipartimento di emergenza di secondo livello dell’ospedale. Lo studio è stato presentato a fine agosto, dal direttore generale dell’azienda ospedaliera Flavio Neirotti, alla Conferenza dei Sindaci e, a giorni, sarà sul tavolo dell’assessore regionale alla sanità Claudio Montaldo. La scelta definitiva spetterà al consiglio regionale, che entro l’autunno dovrà deliberare il contestato piano di riordino della rete ospedaliera ligure. Sommando i 282 mila abitanti del territorio dell’Asl 2 e i 217 mila dell’Asl 1, ne deriva che il potenziale bacino di utenza del Trauma Center è di quasi mezzo milione di persone. Un numero che cresce vertiginosamente nel periodo estivo e durante i “ponti turistici”. Si legge nel progetto: “Secondo una modalità disomogenea, concordando con i servizi 118 di Savona e Imperia criteri di centralizzazione dei pazienti con trauma maggiore, è facile ipotizzare un chiaro aumento nel numero di pazienti con trauma grave che saranno trattati al Santa Corona. Questa centralizzazione permetterà risparmi economici e miglioramento delle fasi diagnostico-terapeutiche, ed è dimostrato che organizzazione significa ottimizzazione ed evoluzione. Il territorio è caratterizzato da una viabilità con poche alternative, e picchi di congestione legati all’affluenza turistica. L’aumento della popolazione coincide con le alterazioni critiche della viabilità. Esiste un solo servizio di Elisoccorso, con sede a Genova. L’elicottero vola solo durante il giorno e i tempi per raggiungere la parte mediamente distante del Ponente sono incompatibili con i criteri di “prontezza”, aggirandosi intorno ai 40-60 minuti di volo. La posizione dell’Ospedale rende vantaggioso per tutta l’area del ponente, il raggiungimento, trovandosi a circa 80 chilometri dalla sede di Genova. L’ospedale è raggiungibile in tempi contenuti sia dal Ponente sia da Savona, e compatibili con criteri di prontezza dell’assistenza con mezzi terrestri. Resta fondamentale prevedere nel prossimo futuro un servizio di Elisoccorso con base a Villanova”. E ancora: “La presenza dell’insieme d’alcune figure professionali (sia chirurgiche, sia diagnostiche, sia riabilitative) ha dato luogo ad una tradizione d’affluenza di fatto di pazienti da ospedali del territorio dell’ASL 2 e di altre ASL verso l’Ospedale Santa Corona. L’esperienza riconosciuta dalla tradizione nel trattamento del paziente affetto da trauma è un dato consolidato. In particolare la presenza delle S.C. di Neurochirurgia e di Chirurgia Vertebrale, associato alla presenza della S.C. Unità Spinale Unipolare, rendono l’Ospedale Santa Corona l’unico punto di riferimento del Ponente ligure per la maggioranza dei problemi presentati dal paziente affetto da politrauma sia in acuto sia in fase riabilitativa”. Concludono i relatori del progetto: “E’ ipotizzabile un’organizzazione del Sistema Integrato Assistenza Traumi che abbia come obiettivo il controllo dell’evoluzione, il trattamento del danno da trauma, la riabilitazione del paziente che abbia subito un trauma. In tale contesto di SIAT è ipotizzabile un centro Hub di 2° livello, ove centralizzare tutti i traumi con criteri di trauma maggiore, identificabile come CTS – adulti e collocato come sede presso l’Ospedale Santa Corona (DEA di 2° livello), ed almeno due centri Spoke di 1° livello identificati presso l’Ospedale San Paolo di Savona e presso l’Ospedale di Imperia. L’ambito d’utenza territoriale è identificato dai Servizi 118 di Savona e d’Imperia. L’invio al CTS – adulti del Ponente è regolato da criteri di centralizzazione primaria, stabiliti dalla letteratura aggiornata. Il CTS – adulti dell’Ospedale Santa Corona dispone delle professionalità necessarie per identificare e trattare in modo definitivo le lesioni afferenti”.

[image:2834:c:s=1]


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli