Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 15148 del 11 Settembre 2007 delle ore 08:02

Operazione antidroga “Conca Verde”: oggi gli interrogatori

[thumb:4181:r]Savona. Al via questa mattina gli interrogatori in tribunale per quattro delle cinque persone arrestate nell’ambito dell’operazione antidroga “Conca Verde”. Davanti al giudice delle indagini preliminari questa mattina compariranno Pietro Criaco, 47 anni, pregiudicato, considerato il capo della banda, il suo luogotenente Vincenzo Cosentino, 42 anni, Danila Sasso, 46 anni, e Raimondo Caredda, 41 anni. Domattina invece sarà interrogato il quarantacinquenne Fulvio Turco. Tutti sono chiamati a rispondere di concorso nella detenzione e nello spaccio di sostanze stupefacenti. Conca Verde il nome del bosco dove veniva nascosta la droga, in buche scavate nella terra o all’interno di un casolare. Complessivamente nel corso dell’inchiesta gli agenti della squadra mobile della Questura savonese hanno sequestrato un chilo e mezzo di eroina. Nel marzo scorso erano deceduti per una overdose di eroina due tossicodipendenti, Rodolfo Carangelo e Fabrizio Caregnato, sei mesi dopo gli agenti della squadra mobile della questura di Savona sono riusciti a dimostrare che la morte del secondo sarebbe stata provocata indirettamente da Vincenzo Cosentino: la droga che aveva venduto al tossicomane era infatti identica a quella che gli stata sequestrato. Per questo motivo, oltre all’accusa di spaccio, Cosentino deve ora rispondere anche dell’articolo 586 del codice penale secondo cui “quando da un fatto preveduto come delitto doloso deriva, quale conseguenza non voluta dal colpevole, la morte o la lesione di una persona, si applicano le disposizioni dell’ articolo 83, ma le pene stabilite negli articoli 589 e 590 sono aumentate”.

[image:4181:c:s=1:t=Materiale sequestrato nel corso dell’operazione]

[image:4179:c:s=1:t=Vincenco Cosentino]

[image:4180:c:s=1:t=Pietro Criaco]


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli