Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 15269 del 13 Settembre 2007 delle ore 15:57

Sviluppo aree rurali: domani i risultati del progetto “Legno in Vita” a Casanova Lerrone

Casanova Lerrone. Si concluderà ufficialmente domani, venerdì 14 settembre, nel corso della manifestazione ‘Legno in Vita’ presso il Centro di Educazione Ambientale di Casanova Lerrone -Fraz. Marmoreo – (Sv) il progetto sviluppato dalla Comunità Montana Ingauna e finanziato dalla Regione Liguria attraverso i fondi comunitari del Programma Robinwood, dedicato alla rivitalizzazione dell’economia rurale attraverso lo sviluppo della filiera legno – energia. Il progetto, denominato INFORME (Integrated Forest Management and Education), partito ufficialmente nell’ottobre del 2006, ha visto la partecipazione della Comunità Montana Ingauna, della Cooperativa Olivicola di Arnasco e delle amministrazioni comunali di Casanova Lerrone, Castelbianco, Castelvecchio di R.B., Erli, Nasino, Onzo, Testino, Vendone e Zuccarello. Attraverso Robinwood la Comunità Montana Ingauna ha realizzato uno studio sia mirato all’identificazione di modelli gestionali che favoriscano lo sfruttamento delle risorse forestali, sia mirato all’elaborazione di progetti di iniziative sostenibili dal punto di vista ambientale ed economico, sviluppate in alcune aree campione del territorio. In particolare nell’area del Sito di Importanza Comunitaria Monte Ravinet – Rocca Barbena è stato progettato il recupero di alcuni sentieri per la realizzazione di un Percorso Natura, un Percorso disabili e un Percorso Salute, utilizzando tecniche di ingegneria naturalistica che contribuiscono ad una corretta manutenzione idrogeologica del territorio. Inoltre sono stati raccolti importanti dati per valutare, nel territorio della Comunità Montana, la disponibilità di biomassa (in particolare residui della potatura di lavorazioni agricole, residui da attività di taglio, manutenzione del verde, ecc.) per la realizzazione di piccoli impianti di teleriscaldamento in grado di servire utenze pubbliche (sedi comunali, ecc.). Come sottolinea Pietro Revetria, Presidente della Comunità Montana Ingauna, “tutte queste attività ampliano il livello delle conoscenze e delle potenzialità del territorio rurale in ambito forestale e permettono agli enti locali, ai privati e ai piccoli proprietari di usufruire di un strumenti conoscitivi. Il nostro obiettivo – continua Revetria – è quello di rivitalizzare un territorio ricchissimo di risorse che in questi anni però ha dovuto affrontare problemi di spopolamento e invecchiamento della popolazione, cui si è accompagnato l’abbandono del bosco. Riportare il bosco alla vita – conclude il presidente della Comunità Montana – significa nuove occasioni di lavoro e di sviluppo economico attraverso le attività forestali e selvicolturali”.
La Comunità Montana Ingauna, come gli altri Enti Locali coinvolti nel Programma Robinwood, oltre a sviluppare attività sul proprio territorio, ha partecipato ad una partnership internazionale con altri enti europe, in particolare con l’Università Humboldt in Brandeburgo (capofila del progetto).
Il programma dell’evento Legno in Vita a Casanova Lerrone, che si svolgerà presso il Centro di Educazione Ambientale Ingauno, prevede alle ore 17:00 l’inaugurazione delle vetrine dei Comuni dell’entroterra e dell’esposizione dedicata al legno e ai prodotti legnosi. Alle ore 18:00 invece si terrà la presentazione del progetto sviluppato dalla Comunità Montana Ingauna nell’ambito di Robinwood e delle prossime attività previste dal CEA Ingauno. Dalle 19:00 in poi sono previsti momenti dedicati alla degustazione di prodotti tipici e all’intrattenimento.
La Regione Liguria è tra le prime regioni italiane per rapporto superficie forestale/superficie totale. Negli ultimi 20 anni, la superficie coperta da boschi è aumentata, arrivando a coprire circa il 70% della superficie regionale. Tale incremento è da imputare principalmente a fenomeni di abbandono di superfici agricole che ora vengono colonizzate da vegetazione forestale. La provincia di Savona è quella maggiormente boscata con un indice superiore al 75%, ed una copertura costituita in gran parte da faggete nel versante padano e da boschi misti con querce e castagno nel versante tirrenico. Tuttavia, l’abbandono della attività selvicolturali e il conseguente degrado del patrimonio boschivo hanno provocato uno scadimento della qualità del boschi con conseguente aumento del rischio di degrado idrogeologico e di incendi. In generale infatti il bosco ligure si sta dequalificando con fenomeni franosi, ribaltamenti, formazione di boschi fitti e difficilmente accessibili.
Robinwood è un progetto cofinanziato dalla Commissione Europea sul programma Interreg III C Sud. su Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) per la cooperazione tra regioni dell’Unione Europea
Il Progetto ha come obiettivo lo sviluppo socio-economico delle aree rurali attraverso la rivitalizzazione della filiera del legno. I partner coinvolti sono 5: Regione Liguria (capofila del progetto), Brandeburgo, Murcia, Galles e Slovacchia Orientale. Nell’ambito del progetto sono state promosse 15 partnership internazionali per un  coinvolgimento totale di oltre 40 enti partner in Europa. I sottoprogetti liguri si sono associati a quelli delle regioni partner in base all’oggetto di attività (idrogeologia, gestione forestale, energia). Beneficiari del contributo in Liguria sono le Comunità Montane Valli Stura ed Orba (in un progetto che vede associato anche il Comune di Genova), Valle Arroscia e Ingauna, la Provincia di La Spezia, Il Parco dell’Aveto, il Comune di Millesimo che hanno sviluppato iniziative per lo sviluppo della filiera legno energia, per rilanciare l’economia rurale, per sperimentare tecniche di gestione forestale e di salvaguardia idrogeologica, nonchè di marketing dei prodotti legnosi e non legnosi.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli