Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 15364 del 16 Settembre 2007 delle ore 20:50

Basket, Coppa Italia: la Tirreno Power scivola ad Asti

[thumb:4238:r]Vado Ligure. Il Riviera si complica la vita ed inciampa ad Asti rimediando una sconfitta nella seconda sfida della “Summer Cup”, la Coppa Italia di serie B. La squadra ligure, neopromossa nel campionato di serie B d’Eccellenza e da pochi giorni targata Tirreno Power, sul parquet di Asti è incappata in una partita pesantemente condizionata dalla terza frazione. C’è un pizzico di rammarico tra i vadesi, soprattutto se si pensa alla vittoria conquistata in settimana nel debutto casalingo contro il Lago Maggiore.
Ma ogni partita fa storia a sé, e se ad Asti i primi due quarti si sono chiusi in equilibrio quasi perfetto, il Riviera ha accusato un black-out nel terzo tempo: i padroni di casa ne hanno approfittato mettendo a segno ben 25 punti contro i soli dieci dei biancorossi. Abbastanza per condizionare il prosieguo della gara ed il risultato finale. La sconfitta dei vadesi, infatti, è arrivata per soli quattro punti. La Tubosider non ha certo demeritato, approfittando con decisione delle occasioni che le si sono presentate, ma il Vado deve recitare il mea culpa per quel terzo quarto negativo.
Gli astigiani guidati da Franco Passera, che schieravano fra gli altri Carlo Di Gioia, ex colonna del Riviera, sono partiti a testa bassa portandosi sul 26 – 21 a trenta secondi dalla fine del primo quarto. In extremis i vadesi sono riusciti a recuperare agguantando il pareggio. A quel punto la partita si è messa sui binari giusti per i biancorossi, trascinati dall’esperienza di Michele Bertinelli e dalla potenza di Mauro Matalone. I padroni di casa hanno però risposto con la guardia Daniele Biganzoli e l’ala Federico Ferrari, autori rispettivamente di 20 e 26 punti totali.
Nel secondo tempo la pressione del Riviera si è fatta sentire, portando ancora il risultato sul pareggio sostanziale: un punto di vantaggio non significava certo avere la vittoria in tasca.
Ed infatti ecco quel terzo quarto negativo, con i piemontesi Biganzoli e Ferrari all’assalto del canestro vadese; poi a complicare la partita per il Riviera è arrivata anche l’espulsione del capitano Marco Guerci, in quel momento in panchina ed allontanato dagli arbitri per proteste dopo un fallo intenzionale che ha visto salire la tensione tra Romeo Trionfo e Carlo Di Gioia. I fischietti hanno optato per l’espulsione di Guerci e dello stesso Di Gioia, annullando i due tiri liberi prima concessi al Riviera.
Nell’ultima frazione di gioco la Tirreno Power ha mostrato che sa e può reagire. Tra i vadesi ha faticato Dennis Bocchini, che ha tentato spesso il tiro da tre senza fortuna, ma note positive per il coach Crotti sono state la grinta e la voglia di emergere dei giovani Ficetti e Ferri. Il Vado ha così stretto d’assedio i padroni di casa della Tubosider, Nobile e compagni hanno tentato di ribaltare il quarto precedente siglando ben 23 punti contro i 13 dell’Asti. Ma non è bastato: al suono della sirena i piemontesi avevano ancora quattro punti in più.
La situazione in Coppa vede le contendenti praticamente tutte alla pari: dopo la vittoria casalinga sul Lago Maggiore Castelletto Ticino, il Riviera è uscito sconfitto dal campo di Asti, ma gli stessi astigiani avevano perso ad Omegna. Ora bisognerà attendere il risultato della sfida tra Lago Maggiore e Omegna.
Il tabellino:
Tubosider Asti – Tirreno Power Vado 83 – 79
(parziali 26 – 26, 45 – 46, 70 – 56, 83 – 79)
Tubosider Asti: Brezzo 5, Giordano 4, Soave 2, Castelli 5, Biganzoli 20, Di Gioia 9, Savoldelli 0, Passera 2, Ferrari 26, Gasparello 9, Palmesino 0. Allenatore: Franco Passera.
Tirreno Power Riviera Vado: Benedusi 0, Ficetti 3, Trionfo 8, Bocchini 0, Moreno 3, Leva 6, Bertinelli 18, Ferri 3, Guerci 8, Nobile 12, Matalone 9, Bernardi 9. Allenatore: Alessandro Crotti.
Arbitri: Canestrelli (Genova) e Volpe (La Spezia).


» Christian Galfrè

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli