Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 15436 del 18 Settembre 2007 delle ore 12:17

Feticista savonese arrestato dai CC: inchiesta della procura su terzi

[thumb:4282:r:t=Ten. Giuseppe De Angelis]Savona. Agg. h 13:30 E’ stato posto in stato di fermo per indiziato di delitto, poi ha confessato. Così è stato arrestato per rapina continuata dai carabinieri di Savona Maurizio Giusto, 29 anni incensurato, residente a Celle Ligure, il feticista considerato l’autore di ben sette rapine messe a segno nel savonese tra giugno e settembre 2007. Il fermo è arrivato dopo una serie di indagini e accertamenti da parte dei carabinieri di Savona. L’uomo si era reso responsabile nei giorni scorso di un furto ai danni di una donna vadese 35 enne, alla quale aveva asportato il paio di scarpe che indossava, proprio nel parcheggio di Corso Mazzini presso la Fortezza del Priamar. Giusto chiedeva alle belle donne per strada di consegnargli le scarpe e se queste opponevano resistenza le obbligava afferrandole per i polpacci. Nella sua abitazione sono state trovate duecento scarpe, in parte usate e in parte nuove ancora nelle scatole. Interrogato, ha affermato di aver agito su commissione di terzi, probabilmente feticisti sui quali prosegue l’inchiesta avviata dalla procura di Savona. Il 29 enne è stato sorpreso ieri, mentre si apprestava a compiere l’ennesima rapina. Il giovane, considerato egli stesso un feticista, aveva messo in atto uno stratagemma per sfilare dai piedi di belle donne che incontrava per strada, scarpe e pantofole aperte, dotate di zeppe. Il rituale era quasi sempre lo stesso. Avvicinava le sue ‘prede’, che spesso avevano con sé anche figli piccoli, e poi le invitava a togliersi le scarpe e a consegnargliele. Se queste si rifiutavano, di solito le afferrava per i polpacci, sfilava loro le scarpe, le riponeva in un sacchetto di plastica e fuggiva. Sottoposto ad un lungo interrogatorio, il giovane ha ammesso le sue responsabilità. Per ogni paio di scarpe rubato che cedeva ai suoi clienti, avrebbe guadagnato 100-200 euro. Le scarpe nuove rinvenute nel corso della perquisizione nell’abitazione dell’uomo, venivano acquistate su internet e rivendute con un ricarico del 50% sul prezzo di costo. In un caso il malvivente feticista è stato anche inseguito da un cittadino, che ha poi fornito agli inquirenti una descrizione precisa dello stravagante rapinatore, il quale, come sottolineato dallo stesso procuratore capo della Repubblica Vincenzo Scolastico che ne ha chiesto la convalida dell’arresto, agiva in modo determinato non solo per strada, ma attendeva le sue vittime persino negli androni dei palazzi.
[image:4281:c:s=1:t=un tipo di paio di scarpe sequestrate dai carabinieri]
“Prima di compiere l’arresto abbiamo dovuto compiere una serie di analisi su questo fenomeno di rapine insolite, scarpe a belle donne di scarso valore economico – ha affermato ad IVG.it il Tenente Giuseppe De Angelis -. Singolare a volte la reazione delle stesse vittime, che propria per la stranezza del modus operandi dell’uomo credevano di essere vittime di uno scherzo o di una candid camera”.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli