Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 15435 del 18 Settembre 2007 delle ore 12:05

Continua la ripresa del lavoro in Provincia

[thumb:1367:r]Provincia. Continuano a migliorare le condizioni del mercato del lavoro provinciale, così come viene testimoniato dalle analisi effettuate sui dati propri dei centri per l’impiego relativi al mese di giugno 2007, elaborati dall’Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Savona. Secondo le rilevazioni lo stock di chi è alla ricerca di un’occupazione si attesta a 9.606 unità, in diminuzione rispetto al mese precedente (-2,85%). Le nuove iscrizioni mensili sono pari a a 155 unità di cui 135 sono i disoccupati con precedente esperienza di lavoro. Il numero delle iscrizioni femminili risulta superiore rispetto a quello maschile (91 contro i 64). I flussi in uscita dallo stato di disoccupazione sono pari a 645 unità anch’essi in diminuzione rispetto al mese precedente. L’osservazione dei dati complessivi di stock consente di evidenziare come il 90,83% delle iscrizioni sia avvenuto prima del 2007. Performance sostanzialmente stabili si rilevano nello stock del numero degli iscritti alle liste di mobilità il cui numero si attesta a 782 unità rispetto alle 783 unità rilevate nel mese precedente (solo 13 i flussi in ingresso nel mese). Aumenta, anche se di poco (2,08%) il numero dei diversamente abili in cerca di occupazione (+13 nuove iscrizioni nel mese). In crescita la domanda di lavoro rispetto al mese precedente (+44,25%) che fa attestare a 7.384 i movimenti complessivi al lavoro nel mese di cui 3.898 hanno riguardato la componente femminile. In particolare rispetto al mese precedente si assiste alla crescita della domanda nel terziario (+57,4%) e nell’industria (+20,66%), mentre in diminuzione risulta la richiesta nell’edilziia (-22,35%) e nell’agricoltura (-1,85%). Dei 7.384 movimenti, ben 6.060 sono state le nuove assunzioni, 480 le proroghe di contratti di lavoro precedentemente avviati e 844 le trasformazioni di rapporti di lavoro. In termini di contratti applicati il 56,76% dei movimenti ha riguardato contratti a tempo determinato, il 20,84% contratti a tempo indeterminato, il 7,29% contratti in apprendistato ed il 4% il lavoro intermittente, quest’ultimo superando, in termini percentuali, l’incidenza percentuale del contratto di somministrazione che si attesta al 3,56% nel mese. Per quanto riguarda i contratti di apprendistato si evidenzia come il 45% siano stati stipulati in base alle legge 196/97, il 36% come apprendistato professionalizzante, l’1,5% per l’espletamento del diritto dovere di istruzione e formazione. Nel mese si assiste ad una crescita del 60% dei contratti a tempo determinato e quasi al raddoppio dell’applicazione dei contratti di apprendistato; in diminuzione, invece, il contratto di somministrazione. La domanda di lavoro proviene principalmente (66%) dal terziario (in particolare alberghi e commercio), mentre i fabbisogni professionali espressi dalle aziende industriali si attestano al 10,36% e quelli dell’edilizia al 4,6%. Le categorie professionali maggiormente richieste sono quelle del personale dedito alla vendita ed ai servizi per le famiglie (il 48% delle assunzioni mensili), seguito dal personale non qualificato (il 32% del totale mensile). La richiesta di personale intermedio è del 6%, contro la richiesta del 5% di artigiani ed operai specializzati. Nel mese la richiesta di figure professionali maggiormente in crescita sono quelle del bagnino in stabilimenti balneari, del barista, dell’inserviente in esercizi alberghieri, del cameriere, cameriere di sala e commesso, assistente bagnanti, educatori. Si rileva, altresì, un aumento della domanda di professionalità che non hanno, generalmente, nel panorama della domanda complessiva, una incidenza elevata, ma che, tuttavia, evidenziano, nel mese, un incremento consistente come l’animatore di residenti per anziani, il collaboratore di farmacia, il geometra. Le assunzioni agevolate sono state 594 unità (in crescita rispetto al mese precedente pari a 350 unità) di cui 307 hanno coinvolto la componente femminile. Il 77,7% delle assunzioni agevolate sono state in apprendistato. Nel complesso le cessazioni avvenute nel mese sono state pari a 2.351 unità, evidenziando, dunque, un saldo positivo fra assunzioni e cessazioni ( 4.668 unità). Le cessazioni di rapporti di lavoro hanno riguardato per il 92% contratti di lavoro precedentemente avviati a tempo determinato.
Commenta così i dati l’assessore provinciale Teresa Ferrando: “A questo punto, devo dire che anche la mia cautela nell’esprimere ottimismo deve lasciare il posto alla constatazione numerica di una ripresa reale e duratura. Abbiamo lavorato duramente in questi anni utilizzando tutti gli strumenti a nostra disposizione, dalla formazione, alle work experience ed ora stiamo iniziando a vedere i frutti di questo lavoro. Credo che non possiamo più parlare di cauto ottimismo, ma di una realtà di sviluppo che sta crescendo e confermando il trend positivo degli scorsi mesi. Le nostre comparazioni, fatte non solo con i mesi precedenti, ma con gli anni passati ci danno una chiara idea del valore di questa crescita, valore che non è stabile, ma crescente, migliorando di mese ni mese. Stiamo ultimando la nuova programmazione del periodo 2007/2013 delle Politiche Attive del Lavoro, con i nuovi corsi, che riguarderanno aree e comparti sia da sostenere che da sviluppare. Alla luce di questo posso già dire che proseguiremo sulla strada intrapresa usando quegli stessi strumenti che ci hanno consentito di dare questo forte impulso all’occupazione. Formazione, orientamento, work experience, consulenza personale saranno gli strumenti base sui quali costruire le professionalità che troveranno occupazione nei prossimi mesi. E certo dove ci sono competenze, dove c’è un tessuto di professionaltà forti, dove si riesce a ottenere spazio per nuove idee imprenditoriali, l’economia cresce e riesce di certo a ridurre l’impatto dei mercati emergenti, della manodopera a basso costo e priva di diritti di altri paesi extraeuropei. Sono convinta che la qualità, la serietà, il rispetto dei diritti nel lavoro paghino sempre e questi dati ne sono una prova. Credo che questi risultati in termini occupazionali siano il più bel “premio” che avrei potuto ricevere dopo tre anni di attività in questo assessorato e per questo risultato voglio ringraziare tutte le persone che lavorano al settore Politiche attive del Lavoro a partire dalla Dirigente Anna Antolini, tutti i diepndenti del Centro di Formazione Varaldo e dei Centri per l’Impiego che svolgono il loro lavoro tra difficoltà con impegno e passione, ma soprattuttovopglio ringraziare tutti gli ex disoccupati che hanno trovato lavoro i questi primi sei mesie sono tanti! A tutti coloro che sono ancora in cerca di occupazione dico di avere fiducia perché la cresita occupazionale è ormai una realtà e continueremo a lavorare duramente perché anch’essi possano al più presto trovare quell’occupazione che darà presto loro la serenità e l’indipendenza economica che meritano”.


» Felix Lammardo

2 commenti a “Continua la ripresa del lavoro in Provincia”
unbe ha detto..
il 18 Settembre 2007 alle 17:52

Ogni tanto ci sono anche buone notizie…

lucky ha detto..
il 19 Settembre 2007 alle 10:05

Ricerca ridicola….hanno contattato anche me, residente in provincia di savona….unico piccolo insignificante particolare:lavoro a Milano…!

CERCAarticoli