Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 15491 del 19 Settembre 2007 delle ore 14:41

Stop alla pesca del tonno rosso per il 2007

La Commissione europea ha oggi deciso di chiudere la pesca del tonno rosso nell’Atlantico orientale e nel Mediterraneo per il 2007, avendo l’Europa già pescato il suo contingente per quest’anno, ossia 16.779,5 tonnellate. Il commissario alla pesca e agli affari marittimi Joe Borg, ha annunciato inoltre un giro di vite sui controlli e sull’applicazione delle misure per contrastare la pesca eccessiva non dichiarata considerata ‘la causa principale del depauperamento degli stock”. Reti a secco quindi per tutti i pescatori europei di tonno rosso. Nessuna conseguenza negativa però per i pescatori italiani e francesi in quanto l’Italia ha già chiuso la pesca per il tonno rosso lo scorso 24 luglio e la Francia il 27 agosto, avendo esaurito i rispettivi contingenti di catture. Quello italiano è di 4.336,31 tonnellate. Decisione amara invece per i pescatori di Cipro, Grecia, Malta, Portogallo e Spagna, la cui attività è ancora in corso, ma avranno la possibilità di ottenere compensazioni nei prossimi anni. “Ci troviamo di fronte – ha spiegato Borg – da un lato, al problema del sovrasfruttamento di uno stock che è già a rischio di esaurimento e, dall’altro, a quello di una ripartizione equa fra gli Stati membri interessati”. Il contingente europeo di pesca del tonno rosso è stato assegnato dall’Iccat (Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi dell’Atlantico) nel corso di una riunione svoltasi a Tokyo in gennaio. A novembre a Dubrovnik, l’Iccat aveva invece definito un piano di ricostituzione degli stock fortemente contestato dai pescatori europei.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli