Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 15688 del 24 Settembre 2007 delle ore 11:13

Savona, la diocesi stanzia 218.000 euro per la carità

[thumb:2230:r]Savona. 68.000 euro per la conservazione o il restauro di edifici di culto; 280.000 euro per il funzionamento della Curia diocesana; 218.000 euro per gli interventi caritativi, 18.000 euro per il Centro missionario diocesano. Sono le voci principali che si trovano nel prospetto dell’assegnazione delle somme che la diocesi di Savona-Noli ha ricevuto nel 2007 dalla Conferenza episcopale italiana dai fondi dell’otto per mille. Il rendiconto, firmato ancora da monsignor Domenico Calcagno prima della sua partenza per Roma, è stato indirizzato nei giorni scorsi alla Cei. Complessivamente il contributo che la diocesi ha ricevuto nel 2007 ammonta a 359.596 euro (ancora decurtato per via dell’anticipo che aveva chiesto monsignor Calcagno per sanare i deficit della diocesi) ma, se si tiene conto degli interessi maturati sui depositi bancari e delle somme assegnate nell’esercizio 2006 e ancora non erogate, la cifra sale a 387.502 euro. 
Scendendo nel dettaglio, sotto la voce “esercizio del culto”, 68.708 sono gli euro destinati alla conservazione o al restauro di edifici di culto già esistenti o di altri beni culturali ecclesiastici. Un altro capitolo di spesa previsto dal Concordato riguarda l’esercizio e cura delle anime, e in questo le assegnazioni riguardano la Curia e i centri pastorali diocesani (280.000 euro), i mezzi di comunicazione a finalità pastorale (12.000 euro), il Consultorio familiare diocesano (1000 euro) e la Facoltà teologica dell’Italia settentrionale, alla quale va un contributo di 700 euro. La somma stanziata per scopi missionari ammonta a 23.000 euro, ripartiti fra i 18.000 al Centro missionario diocesano e i 5.000 euro ai sacerdoti fidei donum. 1.500 euro andranno invece al Servizio diocesano per la promozione del sostentamento del clero.
Una fetta consistente delle assegnazioni – 218.000 euro – riguarda gli interventi caritativi. 28.000 euro andranno a persone bisognose attraverso la Caritas e la Migrantes diocesane, centomila euro saranno gestite da opere caritative diocesane (in particolare la Fondazione Comunitàservizi) per il sostegno a cittadini extracomunitari, a tossicodipendenti, ad anziani e ad altri bisognosi, mentre 10.000 euro saranno gestiti dalle parrocchie che hanno centri d’ascolto e di distribuzione a favore dei poveri, ossia quelle savonesi di san Pietro, san Paolo, san Francesco da Paola e santissima Trinità e quella di Albissola marina, e 14.500 euro saranno a disposizione delle opere caritative promosse dalla San Vincenzo diocesana e dal Centro aiuto alla vita. L’ultima voce – 65.500 euro – riguarda un progetto di struttura per anziani che la diocesi sta pensando di realizzare.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli