Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 15796 del 26 Settembre 2007 delle ore 17:03

Rischio idrogeologico: dalla Regione 268 mila euro ad Albisola e 101 mila a Noli

Regione. La Regione investe ancora per mettere al riparo nuove porzioni di territorio dai rischi di frana ed alluvione. Il nuovo programma di finanziamento riguarda sette interventi e mette a disposizione 1 milione e 400 mila euro. “La disponibilità delle nuove risorse – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Franco Zunino – è merito della corretta e razionale gestione regionale dei fondi per la difesa del suolo, in quanto le somme investite derivano dal recupero di economie accertate su precedenti finanziamenti”.
Su sette finanziamenti concessi, quattro mirano all’ampliamento ed al miglioramento di opere già realizzate, con relativo completamento della messa in sicurezza dei territori interessati, due consentono l’esecuzione di interventi ex novo, uno riguarda la progettazione di opere in area a rischio molto elevato.
In particolare, è stato integrato con 268 mila euro il finanziamento già previsto per la sistemazione idraulica ed idrogeologica del rio Buraxe ad Albisola Superiore, mentre con 413 mila euro di investimento sarà possibile completare con un nuovo lotto di lavori la messa in sicurezza dell’abitato di Bonassola dalle esondazioni dei torrenti San Giorgio e Rossola.
Nuovi lotti di intervento saranno realizzati anche a Deiva Marina per consolidare il versante franoso in località Case Maestri (74 mila e 500 euro), e a Noli, per assicurare le corrette condizioni di deflusso del rio Mazzeno (101 mila euro).
Sono previsti cantieri anche a Masone per la messa in sicurezza del nodo critico del torrente Stura in località Piana del Comune (240 mila euro) ed a Riccò del Golfo per ridurre il rischio idraulico in località Capoluogo (280 mila).
Finanziata infine, con poco meno di 23 mila euro, la progettazione, con relativo studio geotecnico, degli interventi di messa in sicurezza delle pendici del Monte Crocetta, a Moneglia, zona classificata a rischio molto elevato dal vigente piano di bacino. Tutti gli interventi prevedono il cofinanziamento da parte degli Enti attuatori.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli