Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 15843 del 27 Settembre 2007 delle ore 15:44

Ponente, truffe sui danni alluvionali: pioggia di denunce

Regione. Oltre 200 persone, soprattutto del ponente ligure, sono state denunciate dalla Guardia di Finanza di Genova per aver denunciato danni alluvionali in realtà mai subiti o sopravvalutati ed aver illecitamente percepito contributi per oltre 4 milioni di euro. Per 24 persone è già scattato il sequestro per equivalente, con il recupero di circa un milione e mezzo di euro. La truffa milionaria è stata scoperta dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Genova nel corso di una complessa attività investigativa di polizia giudiziaria, d’iniziativa e delegata dalla Procura della Repubblica di Sanremo, a contrasto dell’indebita percezione di contributi statali e regionali per la realizzazione di lavori di ripristino di beni immobili danneggiati a seguito degli eventi alluvionali che hanno colpito il ponente ligure nel mese di novembre 2000. Gli accertamenti hanno permesso di individuare oltre 200 richieste finalizzate al ristoro dei danni alluvionali avanzate da privati, imprese ed aziende agricole alla Regione Liguria in cui, attraverso perizie false contenenti stime di danni inesistenti o di gran lunga superiori a quelli reali, sono stati ottenuti ingenti contributi per danni inesistenti.
Le indagini hanno portato alla denuncia di centinaia di comportamenti illeciti a carico dei beneficiari di contributo alluvionale, dei loro consulenti tecnici, delle imprese che hanno eseguito i lavori di ripristino ma anche di dipendenti ed amministratori pubblici. Tutti sono accusati di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico, malversazione a danno dello Stato, favoreggiamento reale e 323 abuso d’ufficio. Gli indagati sono stati inoltre denunciati anche alla Procura regionale presso la sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per danno erariale, consistente nei contributi illecitamente percepiti. Analoga segnalazione per tassazione dei proventi illeciti è stata inoltrata all’Agenzia delle Entrate, che ha provveduto all’invio dei primi avvisi di accertamento, nonché alla Regione Liguria che provvederà al recupero degli indebiti. Nel corso dell’attività investigativa la Guardia di Finanza ha arrestato tre tecnici che si erano prestati al rilascio di perizie compiacenti. Uno di questi ha patteggiato davanti al gup di Sanremo nei mesi scorsi una pena di uno e otto mesi di reclusione. Un ulteriore risultato ottenuto è stato determinato dagli effetti dissuasivi dell’attività investigativa che ha comportato la spontanea rinuncia a contributi ammessi alla copertura di presunti danni stimati in oltre 5 milioni di euro e la restituzione da parte di 24 denunciati dei contributi percepiti.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli