Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 15849 del 28 Settembre 2007 delle ore 07:31

Regione, sclerodermia: sabato e domenica in vendita i ciclamini della ricerca

Regione. “Stiamo lavorando per riconoscere alla sclerodermia lo stato di malattia rara e per creare sul territorio una rete regionale di centri per la cura e la ricerca”. Lo ha detto ieri l’assessore alla Salute della Regione Liguria, Claudio Montaldo, in occasione della presentazione della giornata del ciclamino, dedicato alla raccolta di fondi per la ricerca e la cura della sclerodermia, in programma sabato 29 e domenica 30 settembre nelle principali piazze liguri. Insieme all’assessore erano presenti anche Riccardo Brunoldi, responsabile G.I.L.S Liguria, gruppo italiano per la lotta alla sclerodermia e Gilberto Filaci, responsabile ricerca presso il reparto di Medicina Interna del DIMI – Università di Genova. “L’obiettivo di questo appuntamento annuale – ha ribadito l’assessore Montaldo – è quello di raccogliere fondi per aiutare la cura di una malattia severa e invalidante che abbiamo intenzione di riconoscere come malattia rara per aiutare tutti i pazienti che ne soffrono, dando vita anche ad una rete regionale di centri presenti sul territorio”.
Sabato 29 dalle 9 alle 19 a Genova in via XX Settembre (presso ex cinema Orfeo) e a Sestri Ponente (di fronte a Bagnara), domenica 30 settembre alla stessa ora in corso Italia (vicino alla chiesa di S. Antonio a Boccadasse) e in entrambi i giorni a Vado Ligure (Sv) in piazza Cavour (vicino alla Banca San Paolo) sarà possibile acquistare piante di ciclamino presso i chioschi allestiti dall’associazione G.I.L.S, gruppo italiano per la lotta alla sclerodermia.
Tra le iniziative organizzate anche la possibilità di effettuare esami e visite di controllo gratuite domenica 30 settembre dalle 9 alle 12 presso le seguenti strutture della regione: Ospedale San Martino di Genova (Medicina interna Immunologia Prof. Indiveri) viale Benedetto XV 6, Ospedale di Sanremo Medicina Interna, via G. Borea, 56 Sanremo, Ospedale di Sestri Levante Medicina Interna, Via A. Terzi 34/a Sestri Levante, prof. Marco Scudelletti e a Savona, località Valloria, presso il reparto di Reumatologia dell’ospedale San Paolo, dott. Francesco Versace.
Obiettivo delle iniziative in programma questo fine settimana, oltre alla raccolta fondi, è quello di sensibilizzare il pubblico nei confronti di una malattia auto immune, ancora poco conosciuta che colpisce gli organi vitali e se non curata può essere letale.
La sclerodermia è una malattia che si manifesta in primo luogo a livello della pelle che assume una consistenza simile a quella del cuoio. Oltre a colpire la cute, soprattutto quella degli arti e della zona attorno alla bocca, intacca anche i piccoli vasi arteriosi, venosi e capillari, gli organi interni, causando complicazioni, a lungo termine mortale, al cuore, ai reni, ai polmoni e all’apparato gastrointestinale. Oggi sono ancora sconosciute le cause scatenanti di questa patologia, anche se recenti studi clinici hanno messo in evidenza il ruolo giocato dalla predisposizione genetica individuale. In Italia la sclerodermia colpisce attualmente circa 30.000 persone, con un’incidenza maggiore tra le donne, oltre il 90% dei pazienti è infatti di sesso femminile. I centri della Liguria visita circa ogni anno 400 pazienti per sospetta malattia ed effettuano terapie a circa 300 malati. In particolare presso la clinica di Medicina Interna ad orientamento immunologico del DIMI (Azienda ospedale-Università San Martino) sono in terapia circa 200 malati. Presso questa struttura è stato realizzato un coordinamento dei vari specialisti che possono essere coinvolti nella diagnosi e terapia dei malati sul modello anglosassone della “sclerodermia clinicas”.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli