Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 16002 del 02 Ottobre 2007 delle ore 10:25

Albenga, operazione antidroga: 10 arresti; i dettagli (2)

[thumb:4375:r]Albenga. Agg. 12.52 Sono stati arrestati su ordine di custodia cautelare in carcere emesso dal pm della procura savonese Alessandro Bogliolo: P.L.P. 32 anni di Albenga, P.V. 34 anni di Rivarolo Canavese (TO), L.S. 33 anni di Borgaro Torinese (TO), A.D. 34 anni di Torino, R.G. 21enne di Albenga, considerato il capo dell’organizzazione nel ponente, L.S. 36 anni di Albenga e N.M., il più anziano del sodalizio criminoso, 44enne albenganese. Sono invece agli arresti domiciliari S.V. e P.M, entrambi 22enni, di Albenga e A.L. 23 anni cerialese, tutti accusati di detenzione a fini di spaccio in concorso. 40 gli uomini dell’Arma impegnati nell’operazione scattata all’alba di stamani, 20 gli automezzi utilizzati con l’ausilio di un elicottero di stanza a Villanova d’Albenga. Nel corso dei controlli sono state inoltre denunciate all’autorità giudiziaria 17 persone e identificati 53 consumatori di sostanze stupefacenti. I tre arrestati della Provincia di Torino erano i “grossisti” dell’organizzazione, mentre gli altri svolgevano l’attività di spaccio nel comprensorio albenganese, nell’ambito di un vero e proprio traffico di droga instaurato sull’asse Torino-Albenga. In tutto sono oltre 4 i kg di hashish sequestrati nell’operazione portata a conclusione dopo mesi di indagini.
– Durante le prime ore della mattinata i carabinieri della compagnia di Albenga hanno eseguito dieci misure cautelari in Provincia di Savona e Torino emesse dal gip del tribunale di Savona a carico di altrettante persone dedite al traffico di rilevanti quantitativi di hashish. Sette persone sono state tradotte in carcere mentre tre sono state ristrette agli arresti domiciliari. Per tutti l’ipotesi di reato è quella di concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Sono state anche eseguite 15 perquisizioni domiciliari che hanno permesso di rinvenire ulteriori 20 dosi di stupefacente pronte per essere vendute al dettaglio. L’indagine, iniziata a gennaio, costituisce il seguito dell’operazione che all’inizio del mese di aprile aveva già consentito di arrestare G.R., 21 enne di Albenga, con 3 chili e 600 gr di hashish, un revolver pronto all’uso ed attrezzi da scasso. Assieme a lui, erano finiti in carcere M.M., 23enne, e C.O., 26 enne, anch’essi di Albenga, i quali avevano appena acquistato 100 gr della medesima sostanza. Inoltre, erano state poste sotto sequestro due autovetture e 3.000 euro in contanti frutto dell’attività di spaccio. I militari, infatti, sono partiti da episodi d’intimidazione a negozianti, liti, risse davanti alle discoteche e danneggiamenti che si erano verificati ad Albenga, Alassio e Ceriale commessi da un gruppo di giovani e che avevano creato allarme tra la popolazione, episodi che spesso non erano stati neppure denunciati alle autorità. Dai successivi accertamenti è emerso che il gruppo di giovani voleva impossessarsi del mercato del hashish nella piana albenganese.
[image:4374:c:s=1]
L’attività investigativa svolta ha permesso di identificare questi soggetti e di acclarare che alcuni di essi, in realtà, gestivano una larga fetta del traffico di hashish che andava a rifornire gli spacciatori che operavano nei locali notturni della zona. Oltre a questi “grossisti” sono stati anche individuati i fornitori di Torino che provvedevano a consegnare a domicilio, ovvero ad Albenga, la sostanza stupefacente in tranche di diversi chilogrammi per volta.
[image:2681:c:s=1:t=l’hashish, la pistola e il denaro contante sequestrato nell’aprile scorso]


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli