Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 16003 del 02 Ottobre 2007 delle ore 11:06

Badminton, buoni risultati per il savonese Valerio Modugno

Savona. Nel fine settimana si è svolto il primo circuito di D1 secondo il nuovo sistema di tornei che prevede una fase interregionale. La partecipazione è stata però piuttosto scarsa (11 maschi e 3 femmine). La finale e’ stata disputata da due giocatori che rappresentavano le due regioni del gruppo, Piemonte e Liguria: Alessio Ceradini dell’Acqui Badminton Club e Valerio Modugno della Fortezza di Savona. Ha avuto la meglio il piemontese in due set.
Nella stessa giornata si è svolto il primo torneo amatoriale giovanile provinciale di Genova al quale hanno partecipato due dei neonati gruppi sportivi King di Genova e Istituto d’Arte di Chiavari più due atlete del Genova Badminton Club. Sette erano le atlete in campo femminile dove ha vinto Camilla Travi del King, mentre fra i cinque ragazzi ha avuto la meglio Emanuele Queirolo che ha vinto sul filo di lana contro Marco La Torre del King. Un piccolo torneo che però ha entusiasmato i ragazzi: questo fa ben sperare per un numero crescente di partecipanti in previsione dell’aumento dei gruppi sportivi.
Sabato e domenica si è svolto anche il corso per aspiranti arbitri tenuto dal docente Fabio Tomasello di Acqui Terme, che ha promosso quattro nuovi elementi, i quali si vanno ad aggiungere agli ancora pochi componenti del settore arbitrale ligure. Il savonese Valerio Modugno e Camilla Roncagliolo, Constance gambaro, Raluca Mihail di Genova sono stati ora annoverati all’albo ligure nella speranza che possano contribuire allo sviluppo del settore nella Regione.
La settimana precedente, al torneo internazionale Yonex di Milano, nella categoria B, il savonese Valerio Modugno è stato ancora protagonista. Nel singolare ha superato il girone di qualificazione arrivando negli ottavi di finale. Nel doppio maschile, con Jacopo Chiesa, è stato sconfitto negli ottavi di finale da una coppia dell’Acqui; stesso esito nel doppio misto, assieme alla tedesca Kristin Teeger.


» Christian Galfrè

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli