Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 16042 del 03 Ottobre 2007 delle ore 10:44

Santa Corona, proseguono le contestazioni dei sindacati contro il piano sanitario

[thumb:133:r]Pietra Ligure. Continuano le proteste da parte delle RSU del Santa Corona di Pietra Ligure, che contestano il piano sanitario regionale, il quale prevede una riorganizzazione che porterà alla deaziendalizzazione dell’ospedale ed è considerato ingiustificato ed incoerente da parte dei sindacati. Si prospetta dunque un nuovo sciopero promosso dai rappresentanti sindacali, i quali ritengono opportuno informare i dipendenti sulla prosecuzione delle iniziative e dei contatti per scongiurare il processo attuato dalla Regione. Il giorno in cui il progetto sarà votato in aula, i sindacati allestiranno alcuni banchetti per spiegare le loro ragioni. Il portavoce delle Rsu, Mauro Boetto, sottolinea come “in una Regione come la Liguria, monitorata per il buco nella sanità, è impensabile che si vada ad approvare un piano che invece di risparmiare, fa spendere 3 milioni e 700mila euro in più di quello preventivato.” I sindacati continuano a contattare le forze politiche ed i parlamentari locali quali Nan (Forza Italia), Oliveri (Rifondazione Comunista) ed Adolfo (Udc), i quali si sono impegnati a portare la discussione sul piano sanitario regionale ligure in parlamento, durante la question time. L’obiettivo è quello di proseguire con le iniziative e le interrogazioni parlamentari in modo concordato e trasversale. Sono stati lanciati appelli anche sul blog di Beppe Grillo, con la speranza che il comico genovese dia risalto alla vicenda anche oltre gli ambiti locali. Boetto afferma che “gli annunciati arrivi di nuove specialità sono stati presto smentiti e l’attivazione completa del Trauma Center è legata alla presenza costante dell’elicottero 24 ore su 24 presso l’aeroporto di Villanova. La deaziendalizzazione rappresenta il primo passo verso una diminuzione dei servizi resi.”


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli