Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 16087 del 04 Ottobre 2007 delle ore 11:15

Traffico di rifiuti pericolosi, perquisizioni e sequestri nel Savonese

[thumb:1999:r]Savona. La maxi operazione del Corpo Forestale dello Stato denominata “Money–fluff”, diretta a smantellare un traffico nazionale di rifiuti pericolosi, ha coinvolto anche la Provincia di Savona. Il Nipaf di Savona (Nucleo Investigativo Polizia Ambientale e Forestale) ha eseguito perquisizioni e sequestri nell’Albenganese e nel Pietrese, presso autotrasportatori e demolitori di autoveicoli. Nel mirino è finita la principale azienda in Italia per il recupero di rottami ferrosi e metallici da fonderia. Sono nove le misure di custodia cautelari che durante la giornata di ieri gli uomini del Corpo forestale dello Stato dei Nipaf di Verona e di Vicenza hanno eseguito durante l’operazione. Inoltre sono in corso venti perquisizioni e sequestri domiciliari. Oltre alle due persone finite in carcere (il presidente del CdA della Rotamfer Spa, Romano Cordioli, e Stefano Salvi Marchetti, responsabile ambientale della stessa azienda), gli arresti domiciliari sono stati disposti nei confronti di sette persone.
Ogni anno in Italia vengono avviate alla demolizione circa 10 milioni di autovetture. Il 25% del peso di tali veicoli arrivati a fine vita è costituito da “fluff”, che viene avviato in discarica con non pochi problemi. Per fluff si intende la frazione leggera e le polveri derivanti da operazioni di frantumazione di rifiuti contenenti metallo, ovvero guarnizioni, scaglie di vernici, gomma, tessuti, plastiche, frammenti di pneumatici. Il “car fluff” è pertanto il residuo di rottamazione dei veicoli che comprende tutto ciò che non è metallico nonché quella minima frazione metallica che l’azienda non è riuscita a separare. In totale sono venticinque le persone indagate in quattro regioni italiane: Veneto, Lombardia, Piemonte e Liguria. Quattro i sequestri preventivi: la discarica “Ca’ di Capri”, l’impianto di frantumazione a Castelnuovo del Garda (Verona), l’impianto di Arese (Milano) ed il laboratorio di analisi chimiche “Chimica Servizi Srl” sito a Dossobuono di Villafranca Veronese.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli