Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 16152 del 05 Ottobre 2007 delle ore 16:49

Savona: continua l’odissea degli spettacoli viaggianti

[thumb:1216:r]Savona. Continua l’odissea dei carovan degli spettacoli viaggianti a Savona. Al momento, infatti, non è stata ancora definita un’area attrezzata per la sosta delle carovane durante il periodo previsto dal regolamento comunale per il Luna park invernale e precisamente dalla seconda metà del mese di novembre sino a fine gennaio 2008. Il presidente provinciale ANSVA (Associazione Nazionale Spettacolisti Viaggianti) Piero Piccaluga ed il vice segretario Confesercenti Giorgio Barisone hanno inviato una lettera al Sindaco del Comune di Savona, agli Assessorati di competenza, al Prefetto e, durante la riunione di giovedì 4 ottobre per la definizione del Luna Park Invernale, al Comando Polizia Municipale. “E’ una necessità dovuta al fatto che oltre ad essere assolutamente impossibile per gli operatori sopportare l’onere di quanto pagato nell’ultimo inverno alla proprietà delle aree vicine al tribunale, 15.000 euro, (dove tradizionalmente venivano ospitate carovane ed attrezzature), tale area non è ad oggi di certa disponibilità se non con un intervento di mediazione dell’Amministrazione – sottolineano in una missiva ANSVA Confesercenti -. Nei mesi ed anni scorsi, già a partire dalla precedente amministrazione, si era proceduto a contatti e sopraluoghi con tecnici del Comune, congiuntamente alle Opere Sociali, per valutare la possibilità di utilizzo delle aree ex Orti Folconi; nel settembre 2006 la stessa Presidente delle Opere Sociali confermava che “sono in essere contatti finalizzati alla stipula di convenzione che renda possibile l’uso di quelle aree per camper e roulotte al seguito del Luna park”.
A tal proposito – prosegue la lettera – chiediamo di sapere se sia ipotizzabile un contatto con l’ente Opere Sociali per la concessione temporanea dell’area sita in corso Ricci, ex orti Folconi, e se tale sito non dovesse essere ancora disponibile indichiamo la possibilità di utilizzo delle aree di Legino (parcheggi antistanti la piscina e zone limitrofe) pur valutandone la non adeguatezza per mancanza di capienza atta al ricovero di tutte le carovane (oltre trenta famiglie) e la zona limitrofa alla Piscina di Corso Colombo. Inoltre riteniamo che sia giunto il momento, anche per il nostro Comune, di applicare quanto previsto dalla vigente normativa, ed in particolare l’art. 9 della legge 337 del 18 marzo 1968 e successive circolari Ministero Finanze n.330 del 24/5/1968 e prot. 1013 del 24 maggio 1971 che testualmente indicano come le attrezzature e carovane siano parte integrante dello spettacolo viaggiante e sia quindi compito dell’amministrazione predisporre aree attrezzate allo scopo, come avviene regolarmente in ogni altra città ospitante i Luna Park. Ci permettiamo di ricordare che per far fronte a problemi quali l’iscrizione dei bambini componenti le famiglie degli operatori alle scuole più vicine e gli attacchi luce ed acqua è necessario sapere con congruo anticipo quali saranno i siti designati. Infine – conclude il comunicato – auspichiamo che la soluzione per l’assegnazione degli spazi ai partecipanti del Luna Park non veda singole assegnazioni di parcheggi per caravan su aree pubbliche a seguito di singole richieste individuali, ma si voglia considerare il problema per tutti gli aventi diritto”.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli