Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 16365 del 11 Ottobre 2007 delle ore 18:16

Carcarese – Sant’Ampelio, Pusceddu: “il cambio era pronto, l’arbitro non l’ha permesso”

Carcare. Nel comunicato ufficiale di ieri sera il Comitato Regionale ha assegnato la sconfitta a tavolino alla Carcarese contro il Sant’Ampelio, per aver giocato tre minuti senza “l’under” in campo. Ma il team biancorosso non ci sta ed inoltrerà immediatamente ricorso contro la decisione del giudice sportivo.
E’ lo stesso allenatore della Carcarese, Gianfranco Pusceddu, a voler precisare l’accaduto: “Non si è trattato di una nostra disattenzione: la causa dell’errore è la decisione dell’arbitro che ci ha permesso di effettuare un solo cambio quando ne avevamo due già pronti. E’ vero che, sul tabellone per i cambi, al numero di Doci corrispondeva quello di Xhani e al numero di Mara quello di Pansera, ma la mia intenzione era di effettuare i due cambi in contemporanea. Entrambi i giocatori pronti ad entrare erano sulla linea di fondocampo in attesa del consenso del direttore di gara. Eravamo pronti a compiere i due cambi nello stesso momento”. Pusceddu, ai microfoni di Ivg.it, prosegue: “Quando l’arbitro ha annotato il cambio di Doci e non ha permesso il secondo, abbiamo provato a richiamare più volte la sua attenzione. Anche tra il pubblico si son tutti resi conto di quanto stava accandendo, ma non c’è stato nulla da fare: il signor Mattazzi aveva già fatto riprendere il gioco. Alla prima occasione possibile abbiamo effettuato anche il secondo cambio, che nelle nostre intenzioni doveva avvenire in contemporanea con il primo. La nostra speranza è che il giudice sportivo prenda atto che l’errore non è dovuto a una nostra disattenzione né tanto meno all’intenzione di aggirare il regolamento”. Del resto in questi minuti senza l’under in campo non si può certo dire che la Carcarese abbia avuto qualche vantaggio, anzi, continua ancora l’ex tecnico di Cogoleto, Pietra, Savona e Argentina: “In quel lasso di tempo non si è praticamente giocato dato che il neoentrato Xhani è stato colpito duramente ed è rimasto a terra un paio di minuti. Non si può certo dire che l’episodio abbia influito sul risultato. Inoltre la confusione successiva all’espisodio del cambio ritardato ha alimentato il nervosismo in campo, dovuto anche al ricordo dei recenti trascorsi tra le due squadre”. Conclude Pusceddu: “In 14 anni di esperienza da allenatore non mi potrei certo permettere una disattenzione simile. Forse l’arbitro non ci ha concesso di effettuare il secondo cambio perché credeva stessimo perdendo troppo tempo, ma non è così perché anche Pansera era già pronto ad entrare. Al di là di questo episodio, non si può certo dire che l’arbitro ci abbia aiutato: in almeno tre occasioni ha sorvolato su falli da rigore a nostro favore, per non parlare di tanti altri episodi”. Perciò, così come nella scorsa stagione, la sfida tra Carcarese e Sant’Ampelio sarà oggetto di lunghe discussioni. Nell’ultimo precedente il match venne ripetuto per errore tecnico: l’arbitro cacciò il guardalinee dei bordigotti reo di aver protestato troppo e decise erroneamente di far uscire dal campo anche quello della Carcarese. L’attesa è ora per la decisione del giudice sportivo a seguito del ricorso della Carcarese, con la speranza che valuti l’episodio tenendo conto di come sono avvenuti i fatti, al di là di quanto annotato dal direttore di gara. Non è da escludere che, anche questa volta, opti per una ripetizione della gara.


» Christian Galfrè

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli