Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 16415 del 13 Ottobre 2007 delle ore 07:34

Precisazioni di Marco Franco su questioni di appartenenza politica

Dopo gli articoli apparsi sul Secolo XIX e sulla Stampa del 12/10/2007 sento il dovere di inviare e rendere pubbliche alcune precisazioni in merito, poiché ritengo che gli articoli di cui sopra riportano delle inesattezze, che devono essere rimosse.
Con la firma, insieme ad altri compagni, del Documento consegnato agli organi di informazione ho sancito la decisione di uscire definitivamente da Sinistra Democratica, decisione assunta per primo in Provincia di Savona. Le deriva massimalista a livello nazionale che ha fatto diventare Sinistra Democratica una sorta di “dependance” di Rifondazione Comunista e le personalizzazioni spinte a livello provinciale e locale mi hanno indotto da subito ad abbandonare il progetto di riunificazione di tutta la Sinistra dichiarandomi fuori dagli organi dirigenti.
Anche se le motivazioni che mi hanno indotto a non aderire al nascituro Partito Democratico si basano su due principi fondamentali che sono:
-la necessità di dar vita in Italia ad un Partito che si riconosca nei principi del socialismo europeo
-la convinzione che un soggetto di sinistra non può prescindere da una visione laica della politica
e della società.
devo precisare, però, che a tutt’oggi la mia adesione alla Costituente Socialista non deve essere ne un atto dovuto ne un fatto scontato e conseguente.
Ritengo che il soggetto politico che si sta costituendo debba rispondere ai requisiti fondamentali
che ho precedentemente sottolineato,e che non ritrovo nel Partito Democratico, ma deve essere anche un Partito Socialista “normale” casa di tutti i progressisti, i laici e i socialisti italiani. Un soggetto politico di novità,che sappia confrontarsi con tutte le classi sociali e con tutte le forze produttive,un partito che abbia come punto di riferimento il Socialismo Europeo e che riesca a riavvicinare alla Politica,intesa nel suo significato più alto, i giovani e gli Italiani.
Se questi sono i presupposti,e in merito otterrò garanzie,può darsi che il Partito Socialista diventi
la mia “casa” e di conseguenza mi impegnerò a dare il mio contributo. Viceversa continuerò, come negli ultimi tempi, ad interessarmi di politica da “battitore libero” non iscritto a nessun partito.

Marco Franco


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli