Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 16451 del 13 Ottobre 2007 delle ore 14:50

Savona, nasce Fondazione di monitoraggio ambientale

[thumb:4438:r]Savona. Il capo dipartimento della Protezione civile, Guido Bertolaso, ha costituito con l’Università di Genova, la Fondazione Centro internazionale in monitoraggio ambientale (Cima) contro il dissesto idrogeologico che avrà sede a Savona, per migliorare le conoscenze sulla gestione dei rischi naturali e di origine antropica e per valutare l’impatto del cambiamento climatico. All’iniziativa partecipano la Regione Liguria e la Provincia di Savona. “Questa Fondazione – ha sottolineato Bertolaso ieri pomeriggio, nel corso dell’inaugurazione nel Palazzo dell’ università di Genova – vuol essere un’altra tessera del mosaico che stiamo tessendo. La prima fu due anni fa, la Fondazione Eurocentre sul rischio sismico con l’Università di Pavia, la seconda è questa sui rischi connessi agli estremi meteorologici che causano frane, inondazioni, siccità e incendi”. “Abbiamo sempre più l’esigenza – ha aggiunto – di allertamenti tempestivi e immediati per la sicurezza dei cittadini. E questo accordo con Regione Liguria e Provincia di Savona non è casuale in quanto abbiamo già fatto insieme iniziative positive nella lotta agli incendi boschivi”. Secondo Bertolaso inoltre “un contatto più stretto con la comunità scientifica avrebbe forse evitato tante tragedie, anche in America, tra cui le devastazioni del ciclone Katrina”.
La Fondazione è presieduta dal prof. Franco Siccardi, che per molti anni è stato uno dei responsabili della consulenza fornita dalla comunità scientifica per la costruzione di un efficiente sistema di protezione civile. “Fu un’idea della seconda metà degli Anni ’80 – ha spiegato il rettore dell’Università di Genova, Gaetano Bignardi – che attribuì alle Università e agli Enti di ricerca l’obiettivo di studiare l’impatto degli eventi estremi nel nostro Paese e le strategie per mitigarne gli effetti”. “Il supporto economico della Protezione civile – ha aggiunto – insieme a quello della Regione Liguria e di altri Enti, consentì di creare un gruppo di giovani scienziati dal quale attinsero e attingono, per creare il personale in grado di affrontare temi nuovi e tecnologie innovative nelle pubbliche amministrazioni, il Dipartimento stesso, la Liguria e altre regioni”. Il presidente di Regione Liguria, Claudio Burlando, si è detto orgoglioso di avere un nuovo centro di eccellenza nazionale che studi fenomeni ambientali per prevenire rischi idrogeologici. “La Fondazione – ha sottolineato – si occuperà anche dei cambiamenti climatici dovuti ad interventi sbagliati dell’uomo sul territorio, tra cui l’effetto serra, problema di dimensioni mondiali”.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli