Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 16504 del 15 Ottobre 2007 delle ore 15:56

Discoteche e legge sulla vendita degli alcolici: l’opinione di un vocalist

Voglio anche io personalmente dire la mia e informare su quanto un operatore del mondo della notte vede con i suoi occhi. Ho scritto di getto quanto mi passava per la testa, sperando che possa servire a chiarire molte persone su quanto questa legge sta provocando e quello che in fondo dice “Bevete fino alle 2!!!!! poi mi spiace ma dobbiamo fare vedere agli elettori che il governo in qualche modo si vuole riaccaparrare la fiducia degli elettori”… beh spero che quanto di seguito ho scritto venga pubblicato. Premetto che non sono un bevitore di alcol e sono praticamente astemio, ma sono pienamente contrario a questa legge e ne spiego brevemente i motivi anche perché credo che molte persone siano pronte a giudicare ma non siano a conoscenza del mondo della notte e dei giovani.
Riporto qui di seguito con copia e incolla il testo della legge: “L’articolo 6, infine, introduce disposizioni volte a promuovere la consapevolezza dei rischi di incidente stradali in caso di guida in stato di ebbrezza. Viene introdotto l’obbligo per i titolari e i gestori di locali ove si svolgano, con qualsiasi modalità e in qualsiasi orario, spettacoli o altre forme di intrattenimento, unitamente alla vendita e somministrazione di bevande alcoliche, di esporre delle tabelle che indichino i sintomi correlati a diversi gradi di concentrazione di alcol nel sangue, nonché le quantità delle bevande alcoliche più comuni che fanno superare i limiti previsti per la guida in stato di ebbrezza”.
Posso dirvi cari lettori o persone che approvate questa legge che purtroppo non farà altro che creare ulteriori danni al sistema economico e non risolverà sicuramente il problema delle stragi del sabato sera, che se vogliamo tra le cose è una pura demonizzazione creata dai mass media, infatti se prendete le statistiche sono molto di più i morti per incidente stradale durante le ore giornaliere e durante la settimana che durante il week end, ma risulta facile per i giornalisti creare dei fenomeni e fare informazione e demonizzare questi eventi. Quindi mi sembra assurdo che una persona si possa ubriacare fino alle 2 e poi mettersi in strada? non siete d’accordo con me? E sopratutto basta uscire alle due dalle discoteche e recarsi nel bar vicino, bere qualche bicchiere e tornare a ballare!!!! Oltretutto porterei questi parlamentari di settant’anni a vivere il mondo della notte prima di fare leggi senza conoscere il vero problema. Bastava questo week end fare un giro nei parcheggi e vedere come i ragazzi avessero nei bauli delle macchine bottiglie di rum e vodka con bottigliette di coca cola e lemonsoda per farsi i coktail e spendendo molto meno che dentro a un locale… se prima bere nei locali la spesa poteva essere un deterrente ora non più con 15 euro si compra una bottiglia di rum e coca cola… e il cocktail è servito. Fatta la legge senza senso trovato l’inganno. Il vero problema è responsabilizzare i giovani e trovare delle formule differenti come agevolare il ragazzo che si occupa di guidare la macchina la sera; non pensate che sia meglio entrare in discoteca gratis e bere analcolici gratis per chi si presenta all’ingresso come guidatore e con un braccialetto viene identificato? Qui non si parla di ubriaconi ma si parla di ragazzi che con due coca e rum sono già positivi all’etilometro, oppure voi pensate quando uscite a cena con vostra moglie e bevete una bottiglia di vino… ci avete mai pensato che il vostro tasso alcolico è superiore ad un ragazzo che in discoteca ha bevuto due cocktail? eppure siete sempre pronti a giudicare i giovani e a classificarli come alcolisti o drogati?
Allora a questo punto “ubriachiamoci” fino alle 2 del mattino? questo è quello che dice la legge… bevi fino alle 2 poi purtroppo dobbiamo dare un contentino alla popolazione italiana e fare vedere che il governo vuole in qualche modo riaccapparrarsi la fiducia di quella parte di elettori che avevano perso ma con l’inganno. La legge va letta tra le righe e interpretata.
oi proprio loro che sono stati smascherati da Striscia la notizia come consumatori di sostanze stupefacenti, fanno queste leggi, loro che volano gratis, che hanno mille agevolazioni e che prendono stipendi d’oro e non fanno altro che aumentarselo!!! Il problema è ben altro il proibizionismo non è mai servito in nessuno stato. Provate a pensare quante persone perderanno il lavoro con questa legge, quanti ragazzi che lavorano nel mondo della notte si troveranno costretti per questa legge a restare a casa, e parlo di baristi e camerieri, per non dire i p.r, i dj, i vocalist, le ballerine, insomma milioni di lavoratori in Italia, che tra le cose lo stato non tutela, basta pensare e parlo per chi è a conoscenza delle leggi sull’Enpals e sulla pensione degli artisti. Questo governo non solo ha tagliato le gambe all’economia italiana con varie leggi, distrutto i poveri pensionati, ora non contenti vanno ad intaccare il divertimento e il lavoro dei giovani, mi viene da pensare che stiamo per cadere in una dittatura, ormai ci diranno anche quando mangiare e come…

Dany Gattelli
Vocalist


» Redazione

5 commenti a “Discoteche e legge sulla vendita degli alcolici: l’opinione di un vocalist”
goFFi ha detto..
il 15 Ottobre 2007 alle 16:51

Mi associo completamente a Gattelli Dany, pero’ io non sono ne un vocalist ne un dj ne un proprietario di una discoteca.. sono un ragazzo di 20 anni che frequenta quando puo le discoteche.. Questa “legge” è veramente una spazzatura in quanto se uno beve fino alle 2 10 cocktail voglio vedere come RIESCE a guidare. Oltre tutto a me piace bere, ovviamente non fino allo star male e quando so che devo guidare non tocco una particella d’alcool.. quindi perche penalizzare gli altri 4 miei amici che sono in macchina con me?.. è adesso stiamo parlando solo di alcool.. i poveri baristi che si prenderanno neanche 50 euro a sera.. ora cosa si prendono 10 euro?.. è veramente ridicola questa situazione.. Non ho altro da aggiungere saluti

Goffredo ( goFFi ) Matteo
http://blog.s0ka.com

bobal ha detto..
il 15 Ottobre 2007 alle 17:54

Il problema non e’ la legge, e’ la mentalita’: in Olanda si puo’ bere fino alla mattina successiva ma chi guida non beve e basta, sia perche’ i poliziotti fanno il loro dovere e non si scappa, sia perche gli olandesi hanno un senso civico che ritengo di gran lunga superiore a quello che hanno gli italiani (parlo di grandi numeri ovviamente).

albi ha detto..
il 15 Ottobre 2007 alle 20:51

Anche io mi associo a quando scritto da Dany e goFFI, il problema è che chi fa queste leggi a ballare non ci va da almeno 30 anni !! Ho visto ragazzi bere 2 medie in più al ristorante prima della discoteca dicendo -ce le beviamo adesso perchè dopo le 2 non ce ne danno più- come,allora il problema del tasso alcolico c’è anche prima dell’entrata in discoteca? Questi non sono a rischio sulle nostre strade? Bisogna incentivare chi guida “sano”,magari dando un punto della patente se ad un controllo risulta sobrio, può essere un’idea no? In autogrill di notte non servono alcolici però ti puoi comprare una bottiglia di vodka nel loro minimarket…..Queste sono le nostre leggi.

Andrea C ha detto..
il 16 Ottobre 2007 alle 08:23

Io chiuderei le discoteche a prescindere. Sono un danno per la collettività (ci guadagnano solo i gestori e i relativi dipendenti) e di certo non aiutano a migliorare i rapporti interpersonali. Purtroppo però mi rendo conto che allo stato attuale le alternative sono praticamente nulle :(

giannilondero ha detto..
il 17 Ottobre 2007 alle 03:34

ciao, son gianni e sono un gestore di una discoteca in Friuli.. una disco semplice, una disco dove il sabato facciamo tanto giro di gente e dove, permettimi andrea.., si puo’ ancora trovare un ambiente familiare in tutto e per tutto e dove i ragazzi della zona possono trovare un posto sicuro.. e sottolineo,sicuro.. dove poter far due chiacchiere, ballare e rimorchiare qualche ragazza come lo facevamo noi anni fa.. ahime..!! non voglio sooffermarmi sulla legge.. anche perche’ potrete capire gia il mio punto di vista.. ma soprattutto sul fatto e sul paradosso della legge stessa !! noi siamo costretti, e l’ abbiam giaì fatto questi week end a chiudere i rubinetti alle 2..e il bar distante di massimo 20 metri dopo le due birra e non solo a go’ go’e in regola x farlo… se qualcuno mi spiega sta’ cosa assurda della legge gli faccio un monumento…
saluti

CERCAarticoli