Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 16690 del 20 Ottobre 2007 delle ore 08:07

Sicurezza stradale: esame del capello per accertale la presenza di sostanze stupefacenti

[thumb:4061:r]Regione. Prenderà il via dal 1 gennaio 2008 la direttiva regionale approvata oggi in giunta per accertare l’utilizzo di sostanze stupefacenti, su soggetti a cui è stata ritirata la patente a seguito di incidente, attraverso non solo esami ematologici o delle urine, ma anche con l’esame del capello per avere una finestra di controllo più ampia dell’attuale. La direttiva approvata ieri dalla giunta regionale raccomanda alle Commissioni medico locali di effettuare anche questo accertamento prima di riconsegnare la patente nel caso in cui questa sia stata ritirata a causa di incidente per uso di sostanze stupefacenti. “Non si tratta di un obbligo – spiega l’assessore regionale alla salute Claudio Montaldo – in quanto le commissioni medico locali costituite in ogni Provincia presso le AA.SS.LL. del capoluogo non dipendono direttamente dalla Regione, ma di una raccomandazione che noi inviamo loro anche per i continui incidenti che si verificano sulle strade e che coinvolgono molti giovani per abuso di sostanze e visto anche le segnalazioni che ci arrivano da parte degli organi preposti alla sicurezza e all’applicazione delle sanzioni per l’individuazione di procedure che facilitano l’accertamento della presenza di sostanze stupefacenti su campioni biologici”. “Per rispondere alle nuove esigenze di sicurezza – continua Montaldo – è necessario da un lato che le aziende sanitarie liguri effettuino una revisione sulla raccolta, il campionamento e la conservazione dei campioni biologici utilizzati, dall’altro che, come previsto dal Protocollo Operativo Droga predisposto nel 2005 dai Ministeri della Salute, degli Interni, dei Trasporti e dall’Istituto Superiore di Sanità, individuino nuove soluzioni per integrare le matrici biologiche e rendere così più approfondita la conoscenza degli eventuali abusi dei soggetti in tema di guida e sicurezza stradale”. Attraverso l’esame del capello è infatti possibile andare indietro nel tempo anche di 6 mesi e svelare così eventuali utilizzi compiuti molto tempo prima. Saranno tre i laboratori che effettueranno tale esame, mentre le Aziende sanitarie ed ospedaliere invieranno ai laboratori i campioni raccolti, secondo procedure uniformi, per i test di conferma. Una commissione regionale valuterà inoltre i requisiti dei laboratori già individuati che dovranno dotarsi della strumentazione necessaria. Sarà lo stesso guidatore sottoposto ad accertamenti a pagare la prestazione, secondo le tariffe previste, che verranno decise entro il 30 novembre.


» Felix Lammardo

2 commenti a “Sicurezza stradale: esame del capello per accertale la presenza di sostanze stupefacenti”
vespa ha detto..
il 20 Ottobre 2007 alle 23:43

Buona l’idea ma i controlli, almeno in caso di incidente, dovrebbero essere obbligatori.

parodipietro ha detto..
il 23 Ottobre 2007 alle 11:14

La trasmissione LE IENE, in onda il 18/10/2007 ha trasmesso un servizio, sul famoso test anti droga fatto di nascosto ad alcuni parlamentari, che un anno fa ha suscitato paura e terrore sui parlamentari Italiani.
Oltre a tutto il servizio, si è visto quanto sia semplice e veloce poter constatare se una persona ha fatto uso o meno di droghe. Inoltre, tale test è in dotazione a diverse polizie, sia italiane che europee.
Mi chiedo, oltre al test per verificare l’assunzione di alcol sugli automobilisti, non si potrebbe utilizzare (anche qui da noi) il test per verificare l’assunzione di droghe???senza aspettare l’esame del capello??
Troppi giovani………….ma anche meno giovani, fanno uso e abuso di droghe, basta girare per locali e non solo nei week end per vedere come si “sballano” e poi tranquillamente si mettono alla guida, e …….se non hanno bevuto …troppo… risultano puliti.
Una mia considerazione……………… ma questi giovani hanno dei genitori?? E i genitori che fanno?? Come può un genitore non vedere il degradarsi di un figlio???

Il video delle IENE lo potete vedere clikkando sotto

http://www.video.mediaset.it/video.html?sito=iene&data=2007/10/18&id=3838&categoria=&from=iene

CERCAarticoli