Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 16984 del 26 Ottobre 2007 delle ore 19:34

Raddoppio ferroviario, soluzione in vista per il problema della discarica

Andora. La provincia di Imperia ha consegnato oggi all’azienda appaltatrice dei lavori per il raddoppio della ferrovia, tra San Lorenzo al mare e Andora e alla società committente Italferr (del gruppo Ferrovie dello Stato), l’autorizzazione alla realizzazione delle opere propedeutiche all’ottenimento del nulla osta per la gestione della discarica Cervopark, di Valle Chiappa, nel comune di San Bartolomeo al mare.
La prima grande particolarità di questi sito per lo smaltimento dello “smerino”, il materiale terroso di risulta proveniente dagli scavi, è che si trova immediatamente sopra la galleria in fase di costruzione. “Ciò significa – ha spiegato l’assessore provinciale all’Ambiente, Alberto Bellotti – che il materiale di risulta potrà essere conferito in discarica attraverso un sistema di nastri trasportatori, che faranno risparmiare fino a 600 passaggi quotidiani di camion in zona”.
L’individuazione della discarica (che ha una capacità di 532.000 metri cubi) è avvenuta formalmente con un’ordinanza per l’occupazione temporanea non finalizzata all’esproprio, emessa da Reti Ferroviarie Italiane (Rfi) ed eseguita da Italferr. Le opere propedeutiche, per la sua apertura, riguardano la realizzazione di un impianto scolmatore e della tombinatura. “La Ferrovial – prosegue Bellotti – ha acquistato 4 chilometri di nastro trasportatore che permetteranno di utilizzare lo stesso metodo di conferimento dello smarino, anche in occasione della costruzione del viadotto ferroviario di Oneglia”.


» Federico De Rossi

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli