Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 17145 del 31 Ottobre 2007 delle ore 15:02

L’ex caserma Turinetto di Albenga nell’accordo Regione-Demanio

[thumb:3011:r]Regione. Un nuovo elenco di 19 strutture militari dismesse, estese per migliaia di metri quadrati in Liguria, spesso in aree di grande pregio, si è aggiunto ai beni che l’Agenzia del Demanio ha deciso di valorizzare insieme con la Regione Liguria e che ammontano ora a 35 unità.
E’ questo il frutto di un accordo firmato oggi dal presidente ligure Claudio Burlando con 17 comuni delle quattro province liguri, che stabilisce le regole di un piano concordato per la migliore valorizzazione e utilizzazione delle aree. Tra i beni da valorizzare, destinati in parte a uso pubblico e in parte a progetti di privati, secondo criteri che terranno conto delle esigenze dei Comuni e del valore di mercato dei terreni e degli edifici, ci sono caserme, poligoni di tiro, polveriere, basi Nato, forti, alcuni situati lungo la costa, altri sulle colline dell’entroterra.
L’Agenzia del Demanio e la Regione Liguria hanno già firmato una intesa per inserire tutte le opere dismesse da rivendere e riutilizzare in un ‘Piano unitario di valorizzazione (Puv) che verra’ messo a punto da una società scelta attraverso una gara d’appalto in via di conclusione. Tra gli ultimi immobili inseriti, le caserme Turinetto e Piave ad Albenga, per complessivi 143.500 metri quadrati, di cui 82.500 a pochi metri dal mare.
“La nostra è la prima Regione italiana – ha sottolineato il presidente Burlando – che tenta di gestire il processo di riutilizzo delle aree in modo unitario, insieme al demanio e agli Enti locali liguri. Si tratta di un passaggio in sintonia con quello già gestito da Area 24 per il riutilizzo delle aree ferroviarie dimesse del Ponente ligure”.
“Con la sottoscrizione del protocollo di oggi – ha spiegato l’assessore regionale alle Politiche abitative e all’edilizia, Maria Bianca Berruti – le quattro province liguri e 16 Comuni definiranno nei prossimi mesi in modo puntuale le compatibilità paesistiche, ambientali e infrastrutturali per ogni immobile dismesso di proprietà dello Stato oggetto del programma di valorizzazione. In un territorio come quello ligure avaro di spazi – ha sottolineato l’assessore – la rilevanza di questo piano è evidente in quanto libera risorse territoriali all’ interno delle città che saranno utilizzate nel migliore dei modi perch si tratta di occasioni irripetibili”.
Per la Provincia di Savona ecco l’elenco completo delle aree interessate dall’accordo Regione-Demanio: Caserma Piave di Albenga, Magazzini di artiglieria di Albenga, sedime deposito Munizioni di Albenga, Forte S. Stefano di Bergeggi, Casa Gavotti di Pontinvrea, Baraccamento Belgiovo Pontinvrea, Forte Scarato a Pontinvrea- Stella, Forte Tagliata Pontinvrea-Stella, Poligono di Cisano sul Neva, Forte Lodrino Inf. Pontinvrea-Sassello, Forte Lodrino Sup. Pontinvrea- Sassello, Caserma Turinetto di Albenga, il Poligono TSN di Albenga e Cisano sul Neva e la ex Base Nato Scatter di Calice Ligure, l’ex Forte Bruciato di Pontinvrea Stella.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli