Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 17268 del 05 Novembre 2007 delle ore 10:40

La diocesi di Savona: “Donate tempo, più che soldi”

Savona. “Non ho tempo”, giustificazione che spesso ritorna in tanti discorsi. Ma è proprio così? La diocesi di Savona-Noli, per l’Avvento ormai vicino, intende smontare questa logica ed invita, provocatoriamente, a “spezzare il tempo per i fratelli” con alcune proposte alle parrocchie che non sono finalizzate a raccogliere fondi per scopi benefici ma ad invitare le persone e le famiglie a ripensare il proprio modo di usare il tempo. Proposte di volontariato, di preghiera e di riflessione che arriveranno nei prossimi giorni in tutte le chiese della diocesi.
Efficace lo slogan coniato per l’Avvento: “Rincuoratevi! Dio ha tempo per voi”, col sottotitolo “Spezza il tuo tempo per i fratelli”. In concreto, le parrocchie riceveranno un sussidio di preghiera da usare nelle famiglie e nei gruppi parrocchiali, munito di un “cubo” da comporre domenica per domenica con brani della Scrittura, e un depliant con proposte di volontariato in parrocchia, in Caritas, nella Migrantes e nel Centro missionario. Sono stati questi tre uffici diocesani, insieme a quelli per la pastorale familiare e per i problemi sociali e il lavoro, ad elaborare il progetto.
“La nostra è una proposta unitaria, frutto di un cammino insieme, – spiega il responsabile dell’area della testimonianza don Adolfo Macchioli – per aiutare le persone a riflettere sull’uso del proprio tempo. Per questo parliamo di ‘spezzare’ il tempo, la parola, il pane. Si tratta, in fondo, di arrivare a far sì che le persone imparino ad uscire da se stesse e a condividere la vita, maturando un’attenzione all’altro e alla Parola di Dio”. Significativa, a questo riguardo, la citazione scelta per il depliant, del grande teologo Dietrich Bonhoeffer: “Chi crede che il suo tempo è troppo prezioso per essere perso ad ascoltare il prossimo, non avrà mai veramente tempo per Dio e per il fratello, ma sempre e solo per se stesso, per le sue proprie parole e per i suoi progetti”.
Il depliant segnala alcune opportunità per dedicare tempo alle situazioni di necessità: in parrocchia “per i vicini di casa nel bisogno e per gli ammalati”, in Caritas “per la mensa di fraternità, per le case di accoglienza notturna e per la nuova casa La locanda”, nella Migrantes “per la casa della mondialità, per la scuola di alfabetizzazione e per l’apostolato del mare”, e nel Centro missionario “per l’animazione nelle parrocchie, per l’informazione/formazione, per il rapporto con i missionari”. Una scheda di adesione, da compilare, permette di segnalare la propria disponibilità per uno di questi servizi e il tempo che s’intende condividere (una volta alla settimana, ogni quindici giorni o al mese).
Il sussidio di preghiera, accompagnato da un cubo da costruire in parrocchia, prevede, per ogni domenica d’Avvento, un brano della Scrittura tratto dalla liturgia festiva, un breve commento ed alcune intenzioni di preghiera. Questi i messaggi: “Spezzare l’apatia per cogliere i segni della venuta”, “spezzare i pregiudizi per avere i sentimenti gli uni degli altri”, “spezzare il proprio tempo”, “spezzare la propria vita”, “Dio non si stanca di parlare all’uomo (Natale)”.
La novità di quest’anno è che, nella proposta diocesana, non si parla di raccolta di fondi per scopi benefici o, come altre volte, di “bilanci di solidarietà” a favore di qualche servizio caritativo. Non perché non ce ne sia bisogno – e infatti ogni parrocchia può decidere autonomamente se sostenere finanziariamente una o più realtà – ma perché l’intenzione della diocesi è di spostare l’attenzione maggiormente su una delle povertà più nascoste della nostra società: la poca disponibilità a donare tempo all’altro, a fermarsi a riflettere e ad ascoltare. La proposta d’Avvento si lega così a quella lanciata dalla Caritas per il ventennale della mensa di fraternità: spezzare il pane, ossia dare da mangiare, come occasione per andare oltre ed incontrare in profondità il fratello che ha bisogno.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli